Il Sassuolo vola con Magic Berardi. Lucerna battuto 3-0 e il sogno Europa League continua (VIDEO)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Berardi, Berardi, Defrel. Tre a zero per il Sassuolo contro il Lucerna in Europa League e il sogno continua e il merito non è solo di quel gran talento di nome Berardi: l’attaccante segna due gol e di fatto chiude la pratica ben prima che la partita finisca, ma è tutto il Sassuolo a dimostrare di essere di un’altra categoria.

Il 3-0 al Lucerna che manda gli emiliani al playoff di Europa League è la conseguenza diretta di questa differenza: le reti potevano essere anche di più. Poco male: quello che conta è essere presenti al sorteggio di domani, meglio ancora per Eusebio Di Francesco e i suoi ragazzi essere anche testa di serie, che significa evitare, tra le altre, Shakhtar, West Ham, Olympiacos e Fenerbahce.

La partita va a senso più che unico sin dall’inizio. E allora dopo il gol mangiato da Defrel nei primi minuti, è Domenico Berardi a trovare la rete al 19esimo con un gran sinistro dal limite. L’1-0 è una mazzata sul Lucerna, che quasi sparisce dal campo. È il 39esimo quando ancora una volta Berardi parte, semina il panico. E il difensore del Lucerna non può che atterrarlo. Rigore e cartellino rosso. Due a zero.

La ripresa è solo un esercizio accademico, ma troppo godibile per tacerne: un tiro al volo di Berardi che avrebbe mandato giù il Mapei, un sinistro di Duncan, un’occasione divorata da Defrel su assist delizioso di Sansone. Il Sassuolo si diverte e diverte e il 3-0 arriva fin troppo tardi, al 64esimo, con Defrel che stavolta non sbaglia, di testa, da due passi, su cross perfetto di Duncan. Ora si può scendere in strada. E festeggiare.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA