In Argentina ora sono davvero Messi male. Dopo la disfatta contro la Croazia volano gli stracci. Il Ct Sampaoli rischia l’esonero prima della gara decisiva contro la Nigeria. Il Mondiale 2018 finora è un incubo per l’Albiceleste

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La clamorosa sconfitta contro la Croazia potrebbe convincere la Federcalcio argentina a un’altrettanta clamorosa rivoluzione: subito via Jorge Sampaoli, in panchina contro la Nigeria, per l’ultima gara del girone, Jorge Burruchaga, attuale manager della Seleccion. O, in alternativa, scrive “TodoNoticias” – secondo cui gli stessi giocatori avrebbero chiesto a Sampaoli di farsi da parte – Sebastian Beccacece, dt della Nazionale. Del resto, la gara con gli africani e’ di importanza vitale: molto del futuro dell’Argentina ai Mondiali dipende da Islanda-Nigeria di questo pomeriggio. In ogni caso, sara’ obbligatorio vincere per arrivare agli ottavi, seppure da seconda. Per “TycSports” la relazione tra il ct e lo spogliatoio e’ ormai ai minimi termini. E lo dimostra anche la risposta di Sergio Aguero a un giornalista che, nella mixed zone di Nizhny Novgorod, gli faceva notare come Sampaoli in conferenza stampa avesse appena detto che i giocatori non si erano adattati al progetto: “Dica cio’ che vuole”, le parole del Kun che piu’ tardi ha precisato: “Ho risposto senza sapere bene di cosi’ si trattasse”. Aguero e’ stato sostituito nella ripresa da Gonzalo Higuain subito dopo la prima rete croata: “Provo tristezza, rabbia. Pero’ ci rimane una possibilita’. Ora dipendiamo dagli altri. Abbiamo ancora una speranza…serve un miracolo, quello che serve”. Javier Mascherano tiene ancora accesa la fiammella: “Manca ancora una partita, poi vedremo cosa accadra'”.

Che la situazione attorno all’Argentina sia esplosiva lo testimoniano anche le critiche di Carlos Bianchi (“Vedo Messi molto appagato, come non mai. Non so cosa gli sia successo”) e l’audio di una conversazione tra Diego Simeone e il suo vice all’Atletico Madrid, German Burgos, captato un’ora dopo la disfatta dei sudamericani. “Quello che sta succedendo in questi momenti e’ quello che e’ disgraziatamente successo alla Seleccion negli ultimi quattro anni – le parole del Cholo -. Anarchia, nessuna leadership ne’ dalla dirigenza ne’ da coloro che stanno in panchina. Vedo una squadra persa”. Poi, la ‘mazzata’ a Messi: “E’ un ottimo giocatore, pero’ lo e’ perche’ al Barcellona gioca assieme a calciatori straordinari. Se devi scegliere tra Messi e Ronaldo per una squadra normale, chi sceglieresti?”.
(ITALPRESS).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA