In lizza per Linea Verde, De Girolamo balla ancora. Nonostante le polemiche, il nome dell’ex forzista torna a circolare in Rai

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sembrava sfumata la possibilità di vedere Nunzia De Girolamo nei panni di conduttrice Rai. E invece il nome dell’ex forzista, poi alfaniana, poi di nuovo forzista e infine vicino alla Lega di Matteo Salvini, sarebbe tornato prepotentemente a circolare nei piani alti di Viale Mazzini. Secondo quanto risulta a La Notizia, infatti, l’ex parlamentare, passato il tempo delle feroci polemiche, sarebbe nuovamente in lizza come co-conduttrice affianco a Federico Quaranta per le quattro puntate in prima serata su Rai1 di “Linea Verde – Gran Tour”, che andranno in onda dal 9 agosto.

Uno scenario – che più fonti parlamentari e aziendali confermano al nostro giornale – inaspettato, proprio perché quando emerse questa possibilità oltre un mese fa, diversi esponenti politici di punta della maggioranza (a cominciare da Luigi Di Maio) espressero forti critiche a un servizio che, in quell’eventualità, tutto sarebbe stato fuorché di cambiamento col passato. Non a caso, secondo le cronache di quei giorni, lo stesso amministratore delegato Fabrizio Salini ebbe uno scontro molto accesso col direttore di Rai1, Teresa De Santis.

A quanto pare, tuttavia, le critiche sono servite a molto poco dato che il nome della ex forzista è tornato a circolare. Dopo l’esperienza come concorrente di “Ballando con le stelle”, dunque, la De Girolamo – secondo i rumors in casa Rai – vorrebbe tentare il salto alla conduzione. E avrebbe trovato sponde molto importanti. Talmente importanti da superare anche polemiche che in quel caso sicuramente risorgeranno.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA