Inferno del Nord, parte seconda. Sul pavé della Parigi-Roubaix Sagan e Van Avermaet i grandi favoriti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo i muri delle Fiandre, per il ciclismo scocca l’ora delle pietre della Parigi-Roubaix. Il secondo atto dell’Inferno del Nord, come sempre, è un’occasione di riscatto per chi la settimana prima è uscito sconfitto dalla “Ronde”. I favoriti, grazie ai 29 tratti in pavè, sono due, lo slovacco Peter Sagan e il belga Greg Van Avermaet con un altro belga, Tom Boonen, che vuole piazzare la stoccata l’ultima volta che partecipa a questa corsa. Ma la lista include anche il tedesco John Degenkolb, vincitore nel 2015, e l’olandese Niki Terpstra, trionfatore nel 2014, che però dovrà lavorare principalmente per Boonen. Tuttavia, nella tattica della Quick Step Floors potrebbe anche rientrare la possibilià di dare più spazio a uno come Terpstra. Stesso discorso per il ceco Zdenek Stybar, che comunque è ancora alla ricerca di un vero acuto nelle classiche monumento: il suo miglior piazzamento è il secondo posto ottenuto alla Parigi-Roubaix del 2015. Diffiicile immaginare il bis di Mathew Hayman, l’australiano che a sorpresa conquistò l’edizione dello scorso anno.

Oltre ai principali favoriti ci sono gli outsider, ciclisti come il norvegese Alexander Kristoff, i tedeschi Tony Martin e Andrè Greipel, e i britannici della Sky Ian Stannard e Luke Row. Nella lista dei pretendenti alla vittoria, partono ancora più dietro i belgi Tiesj Benoot e Juergen Roelandts. E tutti sperano di aver maggiore spazio grazie al marcamento stretto dei favoriti.

Assente sicuro Philippe Gilbert, trionfatore al Giro delle Fiandre: il campione belga sulle strade della Parigi-Roubaix non avrebbe grandi possibili, per questo preferisce prepararsi alle prossime classiche, quelle sulle Ardenne. “La Parigi-Roubaix esercita un’attrazione magnetica su di me ma non ci sarò quest’anno. Ho bisogno di prendermi una pausa, recuperare bene e quindi iniziare a pensare alle Ardenne, dove farò parte di una squadra fortissima con Alaphilippe e Dan Martin”, ha dichiarato Gilbert.

Ecco l’altrimetria del percorso della Parigi-Roubaix (clicca sopra l’immagine per ingrandire)

Settore 29: Troisvilles à Inchy (2,2 km) ***
Settore 28: Viesly à Quiévy (1,8 km) ***
Settore 27: Quiévy à Saint Python (3,7 km) ****
Settore 26: Viesly à Biastre (3 km) ***
Settore 25: Biastre à Solesmes (0,8 km) **
Settore 24: Vertain à Saint-Martin-sur-Ecaillon (2,3 km) ***
Settore 23: Verchain-Maugré à Quérénaing (1,6 km) ***
Settore 22: Quérénaing à Maing (2,5 km) ***
Settore 21: Maing à Monchaux-sur-Ecaillon (1,6 km) ***
Settore 20: Haveluy à Wallers (2,5 km) ****
Settore 19: Trouée d’Arenberg (2,4 km) *****
Settore 18: Wallers à Hélesmes (1,6 km) ***
Settore 17: Hornaing à Wandignies (3,7 km) ****
Settore 16: Warlaing à Brillion (2,4 km) ***
Settore 15: Tilloy à Sars-et-Rosières (2,4 km) ****
Settore 14: Beuvry-la-Forêt à Orchies (1,4 km) ***
Settore 13: Orchies (1,7 km) ***
Settore 12: Auchy-lez-Orchies à Bersée (2,7 km) ****
Settore 11: Mons-en-Pévèle (3 km) *****
Settore 10: Mérignies à Avelin (0,7 km) **
Settore 9: Pont-Thibault à Ennevelin (1,4 km) ***
Settore 8: Templeuve (0,5 km) **
Settore 7: Cysoing à Bourghelles (1,3 km) ***
Settore 6: Bourghelles à Wannehain (1,1 km) ***
Settore 5: Camphin-en-Pévèle (1,8 km) ****
Settore 4: Carrefour de l’Arbre (2,1 km) *****
Settore 3: Grusson (1,1 km) **
Settore 2: Willems à Hem (1,4 km) ***
Settore 1: Roubaix (0,3 km) *

Percorso Parigi Roubaix

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA