Italia-Svezia 1-0. Gli azzurri non brillano ma conquistano gli Ottavi. Decide un gol di Eder a due minuti dalla fine

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una rete di Eder a due minuti dalla fine manda al tappeto la Svezia e porta l’Italia agli Ottavi di finale con un turno d’anticipo. Partita avara di emozioni da una parte e dall’altra. Quando lo 0-0 sembrava inevitabile, a sbloccarla un guizzo di Eder. Lancio lungo da fallo laterale, sponda di Zaza di testa per l’attaccante dell’Inter che dopo aver seminato i difensori avversari mette la palla rasoterra sul palo lontano dove Isaksonn non può arrivare.

Al di là della rete una brutta partita. Primo tempo bruttissimo senza tiri nello specchio della porta. Secondo tempo sulla stessa lunghezza d’onda del primo. Con un solo brivido per la difesa azzurra con Ibrahimovic che l’ha spedita alta a porta vuota. Ma il gioco era fermo per una segnalazione di fuorigioco del guardialinee. Nessuna parata di Buffon, tantomeno di Isaksonn, la cui traversa però ha tremato su un colpo di testa di Parolo. Fino al guizzo decisivo di Eder.

ITALIA (3-5-2) : Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva, Parolo, De Rossi (74′ Motta), Giaccherini, Florenzi (85′ Sturaro); Eder, Pellè. A disposizione:  Sirigu, Marchetti, De Sciglio, Ogbonna, Zaza, Darmian, Immobile, Sturaro, Insigne, Bernardeschi, El Shaarawy. All. Conte.

SVEZIA (4-4-2): Isaksson, Lindelöf, Johansson, Granqvist, M. Olsson; Ekdal (80’Lewicki), Forsberg (79′ Durmaz), S. Larsson, Källström; Ibrahimovic, Guidetti (86′ Berg). A disp. Olsen, Carlgren, Jansson, Augustinsson,  Hiljemark, Wernbloom, Zengin, Kujovic. All. Hamren.

MARCATORE: 88′ Eder.

ARBITRO: Kassa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA