Juventus e Napoli padrone della serie A. Tutto il resto è noia. Dagli alti e bassi di Fiorentina e Roma al crollo dell’Inter. Senza un vero terzo incomodo anche il Milan può sognare l’ultimo posto in Champions

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La seria A ha due padroni: Napoli e Juventus. Tutto il resto è noia. Dopo una partenza al rallenty di entrambe le squadre sono venuti fuori i veri valori di biancoazzurri e bianconeri che, pian piano, stanno facendo il vuoto. Dietro le due battistrada arrancano tutte. Dalla Fiorentina impalpabile e fermata a Genova, all’Inter ormai in caduta libera con un tracollo nel derby. C’è poi la Roma a sperare ancora nel terzo posto. Nonostante una prova non brillante in casa contro il Frosinone per i giallorossi di Spalletti conta il risultato. E la certezza che davanti, almeno per la terza piazza, si può sempre rientrare. Tanto che ora spera anche il Milan, più staccato di poter rientare nella corsa per l’ultimo posto utile per giocare la Champions League.

LA VERA SFIDA – Corre il Napoli a 50 punti. Straripante ieri contro l’Empoli: 5-1 il finale. La squadra di Sarri affronterà mercoledì all’Olimpico, nel turno infrasettimanale, la Lazio e dovrà fare a meno anche di due squalificati. Una bella prova per testare ulteriormente la consistenza dei partenopei. Napoli che domenica prossima ospiterà il Carpi. Sono queste le due partite che anticipano il big match di sabato 13 febbraio a Torino tra Juventus e Napoli. Con i bianconeri che, invece, si misureranno prima in casa contro il Genoa e poi saranno ospiti del Frosinone.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA