La Cassazione conferma l’ergastolo per Battisti. Respinto il ricorso con cui i legali dell’ex terrorista chiedevano di commutare la pena

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dall’ex terrorista Cesare Battisti contro l’ordinanza con cui, il 17 maggio scorso, la Corte di assise di Appello di Milano aveva negato la commutazione della pena dell’ergastolo in quella di trent’anni di reclusione. Le questioni sollevate nel ricorso, sottolineano i giudici di Piazza Cavour ritenendo corretta la decisione della Corte d’assise d’Appello, “concernevano la persistente efficacia dell’accordo di commutazione della pena stipulato tra le Autorità italiane e brasiliane, in vista dell’estradizione dal Brasile, poi non avvenuta, nonché la legittimità della procedura culminata nell’espulsione del condannato dalla Bolivia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA