La Corte dei Conti grazia Fazio. Lo stipendio da oltre 2 milioni l’anno del conduttore di “Che tempo che fa” è regolare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tutto regolare: la Corte dei Conti ha archiviato l’inchiesta aperta per verificare se il compenso da 2 milioni 240mila euro all’anno stipulato dalla Rai con Fabio Fazio avesse provocato un danno all’erario. Per la magistratura contabile Viale Mazzini ha la “necessità di operare sul mercato” e il contratto del conduttore di Che tempo che fa approvato dal consiglio di amministrazione nel 2017 su proposta dell’allora direttore generale Mario Orfeo non presenta “caratteristiche di palese irrazionalità e manifesta abnormità tali da giustificare una pur possibile valutazione in termini di illiceità”. I magistrati contabili rilevano anche che il costo di ogni singola puntata è “risultato inferiore al 50% rispetto al costo mediamente sostenuto per i programmi di intrattenimento di Rai1 con puntate uguali o superiori a 5”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA