La favola del Leicester verso il lieto fine, Tottenham fermato. A Ranieri basta una vittoria per vincere la Premier League

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una vittoria e la favola avrà il lieto fine. Il Leicester City di Claudio Ranieri ha infatti compiuto un altro piccolo passo verso la conquista del titolo di Premier League. La classifica è davvero radiosa con un +7 sul Tottenham a tre giornate dalla fine del campionato. Non c’è bisogno della calcolatrice per prendere atto di un dato: basta una vittoria e il successo sarebbe matematico.

Il travolgente poker del Leicester, inflitto allo Swansea, ha consentito l’allungo in classifica sulla diretta concorrente che, nel monda night contro il West Bromwich, non è andato oltre il pareggio. Il risultato di 1-1 è stato sorprendente anche alla luca del vantaggio maturato per il Tottenham di Mauricio Pochettino grazie a un’autorete di Dawson (al 32′). Il raddoppio è sfumato grazie al prodigioso intervento del portiere avversario su conclusione di Erik Lamela. Lo stesso Dawson ha poi siglato il gol del pari al 72′. E il Tottenham non ha trovato la forza per ottenere tre punti preziosi.

Il calendario del Leicester
Il Leicester è atteso da 270 minuti bollenti. Domenica 1 maggio è prevista la trasferta a Manchester, contro lo United che punta ad arrivare almeno quarto in classifica per accedere alla Champions League. Per Claudio Ranieri si tratta di una difficoltà aggiuntiva. Il vero match ball è in programma però sabato 7 maggio: il Leicester ospita l’Everton, protagonista di una Premier League mediocre. Ed è necessario sfruttare l’occasione. Perché l’ultimo turno prevede la trasferta a Londra, contro il Chelsea. A meno che gli stessi Blues non facciano lo sgambetto al Tottenham nel match di lunedì 2 maggio. Cercando di salvare un’annata disastrosa con una buona prestazione nel derby. Con tanto di regalino alla favola della Premier League.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA