La grande bellezza è vincere il Golden Globes

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La grande bellezza” di Paolo Sorrentino ha vinto il premio quale miglior film straniero ai Golden Globes. Dal palco il regista ha ringraziato quanti hanno contribuito alla realizzazione del film interpretato da Toni Servillo, ed ha aggiunto: «Grazie Italia, un Paese pazzo ma bellissimo». L’ultimo premio ricevuto da un film italiano ai Golden Globes, considerati una sorta di anticamera degli Oscar, era andato nel 1989 al Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore. La stampa estera accreditata ad Hollywood ha assegnato il riconoscimento per il miglior film drammatico a “12 anni schiavo”. Per la migliore regia è stato premiato Alfonso Cuaròn per “Gravity” e per la migliore sceneggiatura Spike Jonz  e per “Her”. Nella premiazione, tenutasi all’Hilton di Beverly Hills, “American Hustle” ha incassato tre riconoscimenti, come migliore commedia, per la migliore interpretazione femminile in un film non drammatico ad Amy Adams, e come migliore attrice non protagonista nella stessa categoria a Jennifer Lawrence. Il riconoscimento alla migliore interpretazione drammatica femminile è andato a Cate Blanchet per “Blue Jasmine” di Woody Allen e quest’ultimo è andato il premio alla carriera. Miglior attore in un film drammatico è stato giudicato Matthew McConaughey per “Dallas buyers club” e migliore attore non protagonista, per lo stesso film, Jared Leto. Miglior attore in un film non drammatico Leonardo di Caprio per “The Wolf of Wall Street”. Il premio per la migliore colonna sonora è andato a Alex Ebert per “All is lost”, quello per la migliore conzone originale a “Ordinary Love” degli U2 per ‘Mandela.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA