La Grande Bellezza sono gli incassi di Mediaset

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ieri sera Canale 5 ha mandato in onda il film evento dell’anno: La Grande Bellezza, fresco di  Oscar per il cinema italiano. Non era mai successo, nella storia della tv, che un film andasse in prima visione appena 24 ore dopo la cerimonia degli Academy. La decisione ha sollevato non poche polemiche specie tra i gestori di cinema perché toglie biglietti alle sale che avrebbero riproiettato la pellicola sull’onda del premio. Ma per le casse di Mediaset (Medusa è il produttore del film di Sorrentino) è stata davvero una Grande Bellezza: la prima tv ha raccolto davanti al video 8.861.000 spettatori pari al 36.11% di share (battuti Luca Zingaretti Su Rai1 con la seconda puntata de Il Giudice Meschino che ha conquistato 5.580.000 spettatori pari al 19.86% e il Ballarò di Floris su Rai3 che è stato visto da 2.120.000 spettatori (7.74%). Mediaset, grazie a Medusa non ha pagato i diritti, ha venduto a caro prezzo i break pubblicitari. Sono stati tutti nuovi inserzionisti (non ricollocamenti di spazi già comprati), incassando al botteghino pubblicitario un paio di milioni di euro. Considerando che nel marzo 2013 la raccolta era stata di 200 milioni circa, ieri Mediaset ha fatto l’1% dei ricavi mensili con una sola trasmissione.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA