La grande rincorsa di Raitre. Vianello cerca share: palinsesti sconvolti dagli speciali. Sciarelli e Gabanelli sempre pronte a entrare in campo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo aver preso botte da orbi per oltre un anno, Andrea Vianello, il direttore di Raitre, ha dato una sterzata al palinsesto di rete, smontandolo come se fosse un puzzle. Dando la priorità all’attualità più stretta. Non intesa come talk politico. Lì c’è Ballarò, che seppure con Massimo Giannini abbia perso tra i 4 e i 5 punti di share, resta inamovibile nel palinsesto (visto che il conduttore è stata una scelta del direttore). Nello scacchiere Vianello muove le torri. Va all’attacco con i due programmi che vanno meglio in prima serata: Chi l’ha visto? e Report. Il programma di Federica Sciarelli sta mutando aspetto. Non si occupa più soltanto delle persone scomparse ma ora sta sposando la formula di Quarto grado: segue le piste del fatto del giorno. Anche con delle serate speciali. Il delitto del piccolo Loris è stato illustrato attentamente. Lunedì sera è andata in onda la puntata straordinaria che ha fatto imbufalire il produttore della fiction di Raiuno su Ambrosoli che si è visto attaccare il monopolio della rete ammiraglia. Alla fine infatti la miniserie con Favino non è andata benissimo, pur facendo registrare degli ascolti decenti. La Sciarelli è andata alla grande con una media di 2.867.000 spettatori (10.66% di share) contro i 4.108.000, pari al 15.27%, di Qualunque cosa succeda (che al martedì è andata leggermente meglio: 4.489.000 spettatori pari al 17.41%). Chi l’ha visto? è tornato prepotentemente alla ribalta il mercoledì, nel giorno canonico della messa in onda. La Sciarelli ha vinto la prima serata a mani basse: una media di 3.892.000 spettatori con il 16,88% di share. Un risultato da Raiuno. La rete ammiraglia continua a subire schiaffi con Velvet, la fiction che non è mai decollata oltre il 13% di share. Chi l’ha visto? ha battuto anche la nuova serie Romeo e Giulietta su Canale 5 e Le Iene su Italia 1.

SUPERATA RAIDUE
Il new deal di Vianello si comincia a vedere anche nei dati mensili. Novembre e dicembre saranno buoni sicuramente, ma ottobre ha già dato i primi segnali di ripresa. Nel mensile delle 24 ore Raitre ha superato i suoi due competitor, Raidue e Italia 1. Sono infatti fuori dalla portata la Juve (Rai1) e la Roma (Canale 5) del campionato delle tv generaliste. Mentre per il terzo posto Raitre è un po’ come il Milan di Inzaghi (e di Vianello) che deve vedersela con Napoli e Inter. Il terzo canale Rai porta a casa una media giornaliera del 6,77% contro il 6,64% del secondo e il 5.95% di Italia 1. Oltre a gli exploit della Sciarelli e della Gabanelli, a far salire gli ascolti della media della rete di Vianello è Agorà, il programma condotto da Gerardo Greco che fa salire la fascia del mattino (7-9) a una media che sfiora il 9%. Raidue invece dà il meglio tra le 12 e le 15 (9,26%), mentre la mattina (7-9) è al 3.87%. In prima serata a ottobre Rai2 (7,18%) è ancora davanti a Rai3 (6,90%), più staccate le altre: Italia1 al 6.30%, Rete4 arriva al 4.97%, chiude La7 al 3.82% .

RIECCO REPORT
Stasera alle 21 va in onda la puntata Romanzo Capitale, aggiornata con i fatti di questi giorni, dopo arresti e perquisizioni che hanno stravolto Roma. L’operazione «Mondo di mezzo» ha confermato quanto il programma di Milena Gabanelli aveva evidenziato oltre un anno fa con la l’inchiesta realizzata da Paolo Mondani.