La lezione di Ramy. Il 13enne che ha salvato i suoi compagni a San Donato risponde a Salvini: “Se lo ringraziano è grazie a me”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Voglio diventare italiano, sono nato qua. Volevo vedere cosa sarebbe successo a Salvini se tutti fossero morti. Tutti sarebbero andati contro di lui. Se tutti lo ringraziano è grazie a me”. E’ quanto ha detto, replicando al ministro dell’Interno Matteo Salvini, Ramy Shehata, il tredicenne egiziano che con la sua telefonata ha sventato l’attacco al bus di San Donato milanese. Sulla cittadinanza, che oggi il vicepremier Luigi Di Maio ha auspicato gli sia concessa in tempi brevi, il 13 enne ha aggiunto: “Salvini all’inizio ha detto sì, poi no. Di Maio vuole darmela, quindi mi fido Di Maio”. “Vorrei – ha detto ancora Ramy – che anche gli altri la ottenessero, ma non sono io a decidere”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA