Aldrovandi, la madre: “Politica non chiuda occhi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Per Patrizia Moretti “la politica non può più chiudere gli occhi”. La madre di Federico Aldrovandi, il giovane ucciso da agenti di polizia, in una conferenza stampa al Senato con Luigi Manconi  spiega come non possa essere più solo lei, nè le famiglie delle altre vittime, a rispondere a episodi come quello di ieri, in cui esponenti delle forze dell’ordine hanno applaudito i colleghi condannati per la morte del ragazzo. “Ora rispondano le istituzioni – aggiunge – e prendano i provvedimenti adeguati”.

Il ministro Alfano ha revocato l’incontro con il Sap. ”Ho revocato l’appuntamento che avevo dato al Sindacato autonomo di polizia per martedì al Viminale”. Lo ha annunciato al Gr1 il ministro dell’Interno Angelino Alfano dopo gli applausi dei delegati al congresso del Sap agli agenti condannati per la morte di Federico Aldrovandi. “Un gesto gravissimo e inaccettabile – ha aggiunto il ministro – ancor più grave perchè compiuto da uomini che con la loro divisa rappresentano lo Stato e non possono disconoscere il senso di una sentenza passata in giudicato”.

Ma il sindacato ribatte: “Le cause della morte di Aldrovandi sono ben altre. Non è il fermo di polizia la causa e i colleghi li ho applauditi, sì. Non mi nascondo dietro un dito. Considero i colleghi condannati per errore giudiziario e cerchiamo una revisione del processo”, ha detto il segretario del Sap, Gianni Tonelli.

Intanto il capo della Polizia Alessandro Pansa incontrerà oggi pomeriggio la mamma di Federico Aldrovandi. Nell’annunciarlo il ministro Alfano ha anche detto di sperare di poter partecipare all’incontro, compatibilmente con il Consiglio dei ministri del pomeriggio.

“La soluzione è semplice. Basta ascoltare persone da tutto il mondo”, ha scritto su Facebook Patrizia Moretti, la madre di Aldrovandi, ‘linkando’ la pagina ‘People for #vialadivisa’. “Questa pagina – si legge nel sottotitolo dell’account aperto il 25 febbraio – vuole essere un grande abbraccio alle famiglie delle vittime di Stato, un abbraccio virtuale fatto di abbracci che arrivano da tutto il mondo”.

Sulla pagina di ‘People for #vialadivisa’, che al momento raccoglie quasi 11.999 ‘mi piace’, vengono pubblicate foto di persone di tutto il mondo con in mano un cartello con scritto il proprio nome o quello della propria città seguito da ‘for #vialadivisa’.

“Gli applausi di ieri sono un oltraggio, prima ancora che a Federico Aldrovandi e alla sua famiglia, al sacrificio dei poliziotti, e le forze di polizia non devono essere strumentalizzati come è successo ieri”, ha dichiarato il viceministro agli Interni, Filippo Bubbico. “Ieri è successa una cosa molto grave ma circoscriviamo la questione a una manifestazione elettorale: gli stessi poliziotti iscritti al sindacato Sap, sanno che è in atto il tentativo per “partitizzare” quel sindacato, per utilizzarlo in questa campagna elettorale, e tutto ciò non giova ai poliziotti. Gli stessi iscritti al Sap sanno che la polizia gode di una tradizione democratica”.

“Quegli applausi provocano rabbia e sdegno. Per me poi, che da 30anni vivo circondato da agenti di Polizia, di cui conosco impegno, fatica, rischi, sacrifici, la rabbia è maggiore, perché so che quell’applauso getta discredito anche su chi porta con onestà quella divisa”. Lo scrive su Fb Grasso dopo l’incontro a Palazzo Madama con Patrizia Moretti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA