La ‘ndrangheta alza il tiro su Gratteri. Nuove misure di protezione per il procuratore di Catanzaro. Annullati anche alcuni incontri pubblici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il sistema di sicurezza a tutela del procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, è stato potenziato. La decisione è stata assunta dal Comitato provinciale per l’ordine di sicurezza pubblica riunito nei giorni scorsi nella Prefettura del capoluogo calabrese. L’apparato di sicurezza è stato potenziato sia nei luoghi di lavoro del magistrato, sia rispetto alla sua scorta e agli autoveicoli utilizzati per i suoi spostamenti.

Secondo quanto trapela, sarebbero stati anche annullati alcuni incontri pubblici. Sulla decisione vige il più stretto riserbo. Gli atti sono secretati e nessuno rilascia dichiarazioni. Al vaglio del comitato ci sarebbero sia nuovi elementi investigativi, sia questioni di opportunità legate alle ultime vicende, a partire dalla maxi operazione contro la ‘ndrangheta “Rinascita Scott”.

Anche la manifestazione a sostegno del procuratore Gratteri, svoltasi sabato scorso a Catanzaro alla presenza di diverse migliaia di persone, si era tenuta sotto il controllo attento delle forze dell’ordine che avevano schierato un elicottero e alcuni reparti speciali, a conferma di una attenzione sempre più alta intorno al magistrato. Nei mesi e negli anni scorsi, il nome di Gratteri era emerso in intercettazioni legate a inchieste sulla ‘ndrangheta in cui si faceva riferimento a progetti di attentare alla sua vita.