La prima infermiera vaccinata in Italia nel mirino di novax e negazionisti. Per lei insulti e minacce di morte sui social

CORONAVIRUS SPALLANZANI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Insulti e addirittura minacce di morte da novax e negazionisti per la prima vaccinata d’Italia, l’infermiera dello Spallanzani di Roma, Claudia Alivernini. Sui suoi profili social è stata inondata di vergognosi messaggi (“E ora vediamo quando muori”), la 29enne è stata così costretta a bloccarli per tutelare al sua privacy e ora valuta anche di denunciare alla Polizia postale chi la sta bersagliando.

“Ordine di Roma e Federazione nazionale degli infermieri pronti a tutelare Claudia Alivernini, infermiera prima vaccinata italiana contro Covid, dalle minacce da parte di chi riesce perfino a negare che nel mondo ci sono 80 milioni di casi confermati, quasi due milioni di vittime e che tutti i paesi sono uniti in prima linea nella lotta al virus”. Scrive in una nota della Fnopi, secondo cui “è inconcepibile che Claudia Alivernini, simbolo del compito di tutela verso i cittadini degli infermieri nella pandemia, possa essere attaccata e minacciata, anche di morte”.

“E’ inconcepibile – scrive ancora Fnopi – non solo dal punto di vista umano, per il quale non si capisce che tipo di bersaglio possa rappresentare la nostra collega che ha svolto a testa alta il suo dovere di persona e di infermiera e soprattutto quali sono le basi di questi assurdi attacchi alla persona, ma ancor di più rispetto alla professione che per sua natura è di tutela della salute degli assistiti come prescrive a chiare lettere il nostro Codice deontologico a cui nessun infermiere può derogare”.

“Chi ha preso di mira con ingiurie e minacce Claudia Alivernini è il prodotto di una subcultura pericolosa che antepone surreali teorie complottiste ai progressi scientifici che sono alla base dello sviluppo delle nostre società” a scritto, invece, il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà. “Claudia, io sono al tuo fianco!” ha aggiunto l’esponente M5s.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA