La Rai si dimentica il Concorsone. Nessuna chiamata ai vincitori, ci sono altre priorità. Le sedi aspettano rinforzi, ma dopo 5 mesi tutto tace

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Gli ultimi mesi della Rai sono stati molto impegnativi per la governance. Uno dopo l’altro sono venuti al pettine non i fatidici nodi, bensì gli snodi, tutti vitali per l’azienda. La nuova legge, il canone in bolletta, il rinnovo della concessione statale, le nomine. Temi affrontati a tamburo battente che hanno avuto la corsia preferenziale. A discapito di altre priorità. Il Concorsone, ad esempio. Ci sono giornalisti che aspettano le nuove assunzioni come la manna dal cielo. I vincitori che sono stati collocati in una graduatoria, considerata valida per un triennio, che già ha visto passare invano i primi 5 mesi senza che ci sia stata una chiamata da parte dell’azienda. E ci sono molte redazioni, soprattutto periferiche, che attendono i rinforzi promessi. A riguardo non sono pochi i comitati di redazione in fermento. Un’attesa che sta logorando non solo i promossi, ma anche la commissione esaminatrice che ha affrontato non senza sacrifici l’infernale tour de force a 40 gradi per poi assistere inerme allo stallo. I vincitori del Concorsone sono tutti ottimi professionisti. Che hanno strappato un contratto a tempo determinato, che però ancora non hanno neanche fiutato. A febbraio si era parlato di prime chiamate nel mese di marzo che finora non sono state mai effettuate. Comunque va dato atto alla Rai di essere un’azienda che ancora assume e quindi i 105 giornalisti in graduatoria possono essere ottimisti sul loro inserimento. Magari sui tempi ci vorrà un po’ più di pazienza, perché non sono certo veloci.

DON MATTEO BATTE CONTE
La partita della Nazionale contro la Spagna è stata vista da meno spettatori rispetto alla puntata di Don Matteo della settimana prima.  Una media di 6,054 milioni e uno share del 24,09% per gli azzurri contro i 6,9 milioni e 28,2% che vedono Terence Hill con la tonaca.

FRIZZI IN CADUTA LIBERA
Prosegue il successo di Caduta libera!, il game show preserale di Canale 5 condotto da Gerry Scotti e prodotto da Endemol Italia, che ogni sera dà del filo da torcere all’Eredità di Fabrizio Frizzi. Giovedì c’è stato il sorpasso e il nuovo record di ascolti con 4.340.000 spettatori e il 23,40% di share.

ABATANTUONO TIENE
Conferma positiva per  Eccezionale Veramente, il talent sui comici con Diego Abatantuono, Paolo Ruffini, Selvaggia Lucarelli, condotto da Gabriele Cirilli che al secondo appuntamento ha registrato il 3,41% di share con oltre 5 milioni di contatti e picchi del 5,72% e 1.239.505 telespettatori.

SIFFREDI NON ECCITA
Nonostante gli sforzi le performance di Rocco sono sempre decimali. Casa Siffredi su La5 è visto in media da 180mila persone per uno share di 0,84%.

FRONTE DEL PALCO OK
Giovedì sera buon risultato per Fronte del Palco, il programma musicale di Italia 1 con Simone Annicchiarico.  Solo Grand Hotel Chiambretti su Canale 5 ha fatto meglio.