La rimonta del Sud sulla raccolta differenziata: le Regioni meridionali riciclano il 21% del totale nazionale. Nel 1998 erano ferme al 5%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

Sulla raccolta differenziata il Sud rimonta. E così il divario tra le Regioni comincia ad accorciarsi. Questo è il quadro che emerge dal rapporto annuale di Comieco, il consorzio per il recupero di carta e cartone. La media nazionale di raccolta pro capite di carta è a quota 51,5 chili, per un totale di 3,1 milioni di tonnellate che hanno evitato l’immissione in atmosfera di ben 3 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

Certo, parliamo solo di mezzo punto percentuale in più rispetto al 2014. Ma il dato è comunque positivo. Non fosse altro per il fatto che questo leggero aumento è dipeso da un differenziale che questa volta va a vantaggio delle regioni meridionali, che aumentano la raccolta del 4,3%, anche se restano distaccate a 31,5 chili pro capite. Il Nord invece, pur essendo piazzato a 62 chili per abitante, subisce una leggera flessione (-0,7%), mentre il Centro conquista la leadership arrivando a 62,6 chili per abitante (+0,2%).

L’area meridionale del Paese rappresenta oggi il 21% del totale della raccolta differenziata di carta e cartone in Italia; una percentuale ancora insufficiente ma più che quadruplicata rispetto al 5% del 1998, anno di avvio del sistema consortile. Già nel rapporto di Legambiente Comuni ricicloni 2015, d’altronde, emergeva la rimonta del Meridione che saliva dal 18 al 25% del totale, mentre Lombardia e Piemonte venivano surclassate dalle Marche e dalla Campania (la maggioranza dei comuni campani si avvicina alla soglia del 65%, con l’eccezione quasi unica di Napoli) e tallonate da vicino dall’Umbria.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA