La rotta di Anis Amri. Ecco la foto che lo ritrae nella stazione di Milano, ma non si conosce cosa ha fatto prima della sparatoria

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un fotogramma della Polizia e nulla più. La rotta di Anis Amri, l’attentatore di Berlino ucciso a Milano in una sparatoria, resta ancora un mistero per gli investigatori di mezza Europa. L’immagine ritrae il terrorista di passaggio nella stazione centrale della città lombarda, dove era arrivato con un treno partito da Torino: in quel momento erano le ore 00.58. Per circa un’ora Amri ha vagato in zona e non è noto se abbia avuto contatti con altre persone. Il conflitto a fuoco con gli agenti di polizia Luca Scatà e Cristian Movio, infatti, risale alle ore 2.58, a Sesto San Giovanni, località raggiunta dal jihadista attraverso i servizi di trasporto pubblico notturno.

Le indagini vogliono fare chiarezza sull’eventuale rete di fiancheggiatori del ragazzo che con il camion ha travolto le persone ai mercatini di Natale di Berlino, uccidendo anche l’italiana Fabrizia Di Lorenzo. Gli inquirenti stanno anche cercando di capire perché Anis Amri abbia fatto tappa a Bardonecchia prima di prendere il treno da Torino.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA