La scomunica di Papa Francesco: “Maledetti quelli che vogliono le guerre. Quest’anno sarà un Natale finto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un discorso duro, durissimo, quello di Papa Bergoglio nell’omelia di Santa Marta.

Ecco il discorso di Papa Francesco: “Gesù ha pianto. Gesù si avvicina a Gerusalemme e probabilmente da un punto sopraelevato che gliela offre alla vista la osserva e piange, rivolgendo alla città queste parole: “Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. Ma anche oggi Gesù piange. Perché noi abbiamo preferito la strada delle guerre, la strada dell’odio, la strada delle inimicizie. Siamo vicini al Natale: ci saranno luci, ci saranno feste, alberi luminosi, anche presepi … tutto truccato: il mondo continua a fare la guerra, a fare le guerre. Il mondo non ha compreso la strada della pace. Dappertutto c’è la guerra, oggi, c’è l’odio. Cosa rimane di una guerra, di questa, che noi stiamo vivendo adesso?: Cosa rimane? Rovine, migliaia di bambini senza educazione, tanti morti innocenti: tanti!, e tanti soldi nelle tasche dei trafficanti di armi. Una volta, Gesù ha detto: Non si può servire due padroni: o Dio, o le ricchezze. La guerra è proprio la scelta per le ricchezze: Facciamo armi, così l’economia si bilancia un po’, e andiamo avanti con il nostro interesse. C’è una parola brutta del Signore: Maledetti!. Perché Lui ha detto: Benedetti gli operatori di pace! Questi che operano la guerra, che fanno le guerre, sono maledetti, sono delinquenti. Una guerra si può giustificare – fra virgolette – con tante, tante ragioni. Ma quando tutto il mondo, come è oggi, è in guerra, tutto il mondo!: è una guerra mondiale – a pezzi: qui, là, là, dappertutto … – non c’è giustificazione. E Dio piange. Gesù piange. E mentre i trafficanti di armi fanno il loro lavoro, ci sono i poveri operatori di pace che soltanto per aiutare una persona, un’altra, un’altra, un’altra, danno la vita. Come fece un’icona dei nostri tempi, Teresa di Calcutta. Con il cinismo dei potenti, si potrebbe dire: Ma cosa ha fatto quella donna? Ha perso la sua vita aiutando la gente a morire?. Non si capisce la strada della pace…Ci farà bene anche a noi chiedere la grazia del pianto, per questo mondo che non riconosce la strada della pace. Che vive per fare la guerra, con il cinismo di dire di non farla. Chiediamo la conversione del cuore. Proprio alla porta di questo Giubileo della Misericordia, che il nostro giubilo, la nostra gioia sia la grazia che il mondo ritrovi la capacità di piangere per i suoi crimini, per quello che fa con le guerre”.