La Serie A vuole tornare grande al cospetto dell’Europa. E spende e spande sul mercato: da Dybala a Kondogbia. Fino ad arrivare a Bacca e Luiz Adriano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Prima di luglio si prevedeva un calciomercato fiacco, con poche emozioni e con poche squadre disposte a spendere milioni per accaparrarsi campioni affermati a suon di milioni. Invece le nostre società sembrano rivivere una seconda giovinezza dopo i fasti e le spese folli degli anni ’80-’90. La Juve, apparentemente l’unica squadra in Italia a potersi permettere spese di un certo peso, ha subito messo a segno il colpaccio Dybala versando nelle tasche del presidente rosanero Zamparini 32 milioni più 8 di bonus e prelevato il centravanti croato Mandzukic dall’Atletico Madrid per altri 19 mln. Poi è stata la volta dell’Inter che si è aggiudicata il personale derby di mercato per il talento francese Kondogbia versando circa 38 mln al Monaco e e ha preso in prestito l’ex viola Jovetic. Ora però i nerazzurri sono costretti a mandare via sette giocatori. Tra questi Shaqiri, che potrebbe sbloccare l’arrivo di Perisic. Il Milan che non è rimasto a guardare e ha chiuso, nel giro di pochi giorni, due importanti trattative per una cifra complessiva di circa 50 mln: 20 per il romanista, di passaggio, Bertolacci e 30 per pagare la clausola rescissoria che legava l’attaccante colombiano Bacca al Siviglia. Ora invece testa al talento giallorosso Romagnoli, valutato dalla Roma 30 mln e probabilmente miglior centrale difensivo italiano under 21 insieme allo juventino Daniele Rugani. Mentre il Napoli incomincia a muovere il proprio mercato in entrata, le romane e la Fiorentina sono ancora in fase di progettazione. Nonostante i giallorossi abbiamo preso Salah e i viola Astori e Mario Suarez. Sempre molto attivo il Genoa soprattutto in uscita, mentre il Torino si fa bello e giovane rivoluzionando il centrocampo con un pokerissimo di ragazzi come Obi, Acquah, il rientrante Benassi e gli atalantini Zappacosta e Baselli, tutti giocatori under 23 e tutti con margini di miglioramento davvero ampi. A mio avviso il miglior mercato di tutta la Serie A fino ad oggi. Le trattative andate in porto questo primo mese di calciomercato hanno visto protagoniste le nostre squadre più titolate, preoccupate innanzitutto di farsi belle all’occhio critico di tifo e stampa e dimostrando, a suon di milioni, un disperato bisogno di sentirsi grandi al cospetto dell’Europa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA