La vita di Wojtyla è musica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
di Elena De Blasi
Don Giuseppe lo aveva promesso: “Santo Padre, le scriverò un musical”. E Wojtyla sorrise compiaciuto “Bravo! Anche io ho fatto teatro”. L’impegno è stato mantenuto.
Diciassette anni dopo l’incontro tra Giovanni Paolo II e don Giuseppe Spedicato, parroco di un paesino alle porte di Lecce, il musical Non abbiate paura! andrà in scena in tutto il mondo. Prima e più importante tappa a Roma, all’Auditorium della Conciliazione dal 21 al 27 aprile, con ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’opera teatrale è prodotta da Jonathan L Production con il patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura. Media partner La Notizia. Il musical ripercorre la vita di Karol Wojtyla, dai primi anni, coperti dal pudore dell’intimità familiare, fino al giorno della morte, che vide il mondo intero puntare gli occhi su Roma, sull’uomo  giunto “da un Paese lontano” ma che divenne a tutti vicino.
Il cast
Nei panni di Giovanni Paolo II, Danilo Brugia, protagonista di serial di successo come Centovetrine. Premiato come migliore attore protagonista nel 2008 al Roma Fiction Fest e apprezzato dal pubblico televisivo di Raiuno nel programma di Carlo Conti Tale e Quale Show. “Ancora oggi ho paura a interpretare questo ruolo”, confessa Brugia facendo proprie le parole pronunciate da Wojtyla quando fu nominato Papa nel 1978. “Giovanni Paolo II ci ha regalato tante emozioni – aggiunge l’attore – spero, con il suo aiuto, di farle rivivere al pubblico”.
Completano il cast Valeria Monetti, Sabrina Marciano e Piero Di Blasio. La regia è di Gianluca Ferrato e Andrea Palotto. Coreografie curate da Enzo Celli mentre la direzione musicale è affidata a Marco Spatuzzi, che ha osato inserire la canzone Dio è morto di Guccini come colonna sonora nella scena dell’attentato di Alì Agca. “Non ci sono effetti speciali in questo musical – sottolinea lo scenografo Andrea Lizza – mi sono fatto guidare dal tipo di santità di Giovanni Paolo II, che non aveva bisogno di gesti clamorosi ma viveva della semplicità dei piccoli atti quotidiani”.
Il tour
In arrivo a ridosso della Canonizzazione di Papa Wojtyla, l’opera teatrale precederà la domenica in cui il Papa Beato sarà proclamato Santo. Successivamente il musical sarà a disposizione di tutte le diocesi italiane per una serata-evento da organizzare sui territori dove saranno invitati anche gli esponenti di altre due grandi religioni monoteiste, l’ebraica e la  musulmana, per poi passare al tour internazional