L’Altra Vita di Leone, Raiuno vola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Per Raiuno è davvero cominciata un’Altra Vita. Il direttore Giancarlo Leone può cantare “Guarda come gongolo”, dopo che qualcuno ai quartieri alti di Viale Mazzini gli faceva dondolare la poltrona. Per la rete ammiraglia questo autunno è davvero memorabile. Un trionfo dietro l’altro. Un pieno di ascolti quotidiano. La Fiction va fortissima, l’intrattenimento pure. Inoltre il buongiorno si vede dal mattino: Unomattina va bene (Storie vere di Eleonora Daniele è la striscia con più share), La Prova del cuoco idem. Al pomeriggio La Vita in diretta va un po’ meglio (anche se è ancora quattro punti sotto Pomeriggio 5 di Barbara d’Urso). Preserale, Tg1 delle 20 e Access volano, grazie alle performance dell’Eredità e di Affari tuoi. Ma il clou è in prima serata con Tale e Quale Show e soprattutto con le fiction Che Dio ci aiuti e Un’altra Vita. Quest’ultima è la vera regina del periodo. La puntata di martedì ha raggiunto una media stratosferica: 7,7 milioni di telespettatori per uno share del 30%. Con picchi di 8 milioni e 40%. Per Vanessa Incontrada si tratta di un successo incredibile. Al di sotto delle attese invece Velvet. A febbraio, dopo Sanremo, per 8 episodi tornerà Fuoriclasse con la prof Luciana Littizzetto.

RENZI IN, CAMUSSO E SQUINZI OUT
Lunedì scorso, lo abbiamo scritto nell’edizione della Notizia di ieri, Quinta colonna – il talk di Paolo Del Debbio su Retequattro – ha fatto il record di share grazie alla presenza di Matteo Renzi in trasmissione. Per contro a nulla sono servite, anzi hanno finito per peggiorare gli ascolti, le presenze di due degli oppositori al premier, Susanna Camusso sull’articolo 18 e Giorgio Squinzi sul Tfr in busta paga. Il leader della Cgil era ospite di Ballarò, mentre il numero 1 di Confindustria era a diMartedì. Ebbene Floris rispetto alla settimana prima ha perso quasi 200 mila spettatori di media (-0,54% di share) e Giannini 50 mila (-0,21% di share). Morale della favola: Camusso e Squinzi sono più noiosi di Floris e Giannini, finiti inesorabilmente agli ultimi posti nella graduatoria delle reti generaliste. Ora vedremo la controprova. Stasera Renzi è da Nicola Porro, nel programma Virus di Raidue. Vediamo se la presenza del premier permetterà a Porro di superare Servizio pubblico di Santoro, il quale che fa? Il kamikaze. Invita Pier Luigi Bersani così fa la fine di Giannini.

DOPO CROZZA, FLORIS CROLLA
Solo con Maurizio Crozza il programma condotto da Giovanni Floris su La7 ha superato il 7%, poi è calato di brutto per recuperare un po’ nel finale (tornando sopra il 5%).

TORNA LILLI
Lilli Gruber tornerà alla guida di Otto e mezzo entro la fine del mese. Lo ha detto il patron di La7, Urbano Cairo. E Floris continuerà con la striscia preserale di diciannoveEquaranta? Probabilmente no. Per lui ci sarà qualcos’altro.

IRRIDUCIBILI DI RAMBO
Il film Rambo con Stallone, trasmesso da Retequattro, nonostante sia al 100° passaggio in tv riesce ancora a catturare più di 2 milioni di spettatori. Ha fatto meglio, oltre che di Giannini e Floris, anche del film di Canale 5 con Massimo Boldi.