L’assalto della Costamagna a Viale Mazzini. Luisella vuole un programma in Rai per riscattare i fallimenti di Robinson. Scampini favorita per il nuovo Forum. Di Gati pronta con Mi manda Rai3

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

L’ultima trasmissione su Rai 3 (Robinson, prime time ) è stata un flop. L’addio a La7 dove conduceva In onda con Luca Telese è stato, a dir poco, tumultuoso. E anche la brusca interruzione della collaborazione con Michele Santoro ha fatto parlare. Luisella Costamagna, torinese, crescita alla scuola di Maurizio Costanzo, non è tipo che ha fama di essere simpatica, anzi. Rigida, polemica, la giornalista sposata con Dario Buzzolan, autore di Agorà, sta lavorando per tornare in video in una rete generalista di viale Mazzini. I bene informati sostengono di aver visto la Costamagna su e giù per le sale del palazzo della Rai.

Chi sponsorizza Elsa?
È in forte ascesa la carriera di Elsa Di Gati che tornerà a settembre con lo storico programma Mi manda Rai 3 che era stato condotto dallo stesso direttore di rete Andrea Vianello. Figlia di Angelo, giornalista Rai di lungo corso, Elsa ha esordito a Il Popolo e poi è passata in radio apprezzata all’epoca da Franco Marini. Sposata in seconde nozze con il cronista politico de il Messaggero Claudio Rizza, la Di Gati è stimatissima dall’Usigrai e dal potentissimo Di Trapani. Gli ascolti dei suoi programmi non sono mai stati eccellenti, ma lei (che da poco ha adottato la prima figlia) ha amicizie consolidate anche nel cda Rai.

Scampini verso Forum
Ha già provato il brivido della prima fila conducendo la sfortunata Domenica Live di Canale 5 con Alessio Vinci, poi ė tornata accanto a Salvo Sottile a Quarto grado su Retequattro. Ma Sabrina Scampini ė molto apprezzata da Mauro Crippa che infatti ha pensato a lei per la conduzione di Forum dopo il trasloco di Rita Dalla Chiesa a La7. Scampini non ė l’unica candidata ma secondo radio-Cologno monzese è di certo la più accreditata.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA