L’autunno caldo di Viale Mazzini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Il testo del decreto con le modifiche del canone è pronto, manca solo la firma di Renzi. Sono tracciate anche le linee guida per la riforma della Rai. Il sottosegretario Antonello Giacomelli, dopo l’ok del premier, porterà i testi in consiglio dei ministri. Entro fine mese l’approvazione. L’obiettivo è abbassare la tassa e abbattere l’evasione, legando il pagamento alla capacità di spesa delle famiglie. La riforma invece si ispira alla Bbc. L’obiettivo è liberare la tv pubblica dall’ingerenza dei partiti. Alla guida – sul modello delle Poste – un amministratore delegato con ampi poteri, con ridimensionamento della commissione di Vigilanza e nessun ruolo nella scelta del vertice per le Authority. Anna Gatti è stata scelta come ultimo componente del consiglio di amministrazione di Rai Way, che entrerà in carica dopo la quotazione in Borsa.

IL 18% DI SHARE PER JUVE-ROMA
Il calcio ha monopolizzato la domenica televisiva. Del resto era la giornata di Juve-Roma. Chi in campo, chi sui social, chi in tv, chi in parlamento: tutti hanno esagerato con le esternazioni fomentando gli animi… ma lievitando gli ascolti. Cominciamo con la cronaca: la partita è stata vista su Sky da 1.942.801 spettatori medi (share dell’11,01%) e da 1.191.000 telespettatori (6,72%) su Mediaset Premium. Totale: quasi il 18% di share. Più o meno quanto ha realizzato Il Restauratore 2, la fiction che ha vinto la prima serata su Raiuno. Con la sola differenza che la partita non era in chiaro, ma in pay tv.
Tuttavia non c’è stata solo Juve-Roma, Enrico Mentana si è cimentato in un affondo spietato nei confronti dell’allenatore dell’Inter Mazzarri: è giunta l’ora che svuoti gli armadietti, ha scritto sui social il direttore del tiggì di La7. Inoltre su Mediaset Premium Allegri e Sacchi hanno continuato i loro battibecchi, come fossero due comari. Juve-Roma ha fatto bene anche alla Domenica sportiva che finalmente ha portato a casa un ottimo ascolto: 1.953.000 telespettatori (13,62%). Mentre ha affossato Paolo Bonolis: Avanti un altro ha ottenuto 2.822.000 e il 13,88%. Da notare che nemmeno la vittoria della sua Juve ha galvanizzato di ascolti di Paragone (la Gabbia di domenica non si schioda dal 2%).

GLI EROI DI CANALE 5
Stasera in seconda serata su Canale 5 arriva Heroes, il nuovo programma di Sportmediaset, diretta da Claudio Brachino, curato da Giorgio Terruzzi. In pratica Sfide del Biscione. Per l’esordio Platini e Baggio.

REAL TIME AL 5,2%
Su Real Time il docureality Il Nostro Piccolo Grande Amore ha ottenuto 739.000 spettatori e il 5.2% di share.

REPORT
CHE SPRINT
Prima puntata dagli ottimi ascolti per Report. Il programma di Milena Gabanelli è stato visto da circa 3 milioni (12,24%), ottenendo più share dei Cesaroni su Canale 5.

CROZZA BATTUTO DA QUARTO GRADO
Ci voleva Crozza per far sorridere Urbano Cairo dopo i dati della prima serata. Crozza nel Paese delle Meraviglie ha registrato un ascolto di 1.744.000 telespettatori, per uno share del 6,64%. È andato meglio anche di Santoro. Tuttavia è stato battuto da Quarto grado di Retequattro (7.39%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché col Reddito di cittadinanza i giovani non vogliono più darsi da fare”. Su giornali e tv è questa la hit

Continua »
TV E MEDIA