Lavoro: 1.588 vittime in tre anni. Nel 2012 in calo dell’8%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Negli ultimi tre anni sono state 1.588 le vittime sul lavoro. In particolare, 509 nel 2012, 553 nel 2011 e 526 nel 2010. Nell’ultimo anno il decremento e’ stato pari all’8%.
“Ma si tratta di una flessione apparente – spiega Mauro Rossato, presidente dell’Osservatorio sicurezza sul lavoro di Vega Engineering – che deve fare i conti anche con la diminuzione dell’occupazione”. I settori maggiormente colpiti e le cause che conducono al decesso sono sempre tragicamente le stesse: agricoltura e costruzioni in primo piano. Caduta dall’alto e ribaltamento di un veicolo o mezzo in movimento le situazioni piu’ rischiose. In tre anni nel settore agricolo hanno perso la vita 580 lavoratori pari al 36,5% del totale e nello stesso periodo il 24,6% delle morti sul lavoro e’ stato registrato nell’edilizia.
E la medesima considerazione puo’ essere fatta nell’andamento del numero di decessi per caduta dall’alto rilevati soprattutto nelle costruzioni. Erano 146 nel 2010, sono passati a 135 nel 2011 per arrivare a 125 nel 2012. Nel triennio e’ deceduto per caduta dall’alto il 25,6% dei lavoratori. Il trattore invece e’ il mezzo killer per eccellenza quando si parla di morte dovuta al ribaltamento di un veicolo in movimento. La percentuale tra il 2010 e il 2012 e’ stata del 20%. L’area in cui l’incidenza della mortalita’ rispetto alla popolazione lavorativa e’ stata piu’ elevata nell’arco del triennio e’ quella del Sud del Paese (indice pari a 26,9 contro una media nazionale di 23,1), il risultato peggiore nella graduatoria regionale del rischio spetta all’Abruzzo (48,4), seguito dal Trentino Alto Adige (48,1) e dalla Valle D’Aosta (46,9).
(ITALPRESS).