Le pagelle del 2014 in Tv. Chi l’ha Incontrada ha fatto il pieno di ascolti. E per il 2015 Maggioni verso Washington, Mazza a Rai Vaticano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Doveva essere la stagione tv dei talk e invece sono andati benissimo i programmi di intrattenimento e le fiction. A cominciare da Un’altra vita di Raiuno che ha lanciato in testa alla classifica come personaggio dell’anno Vanessa Incontrada. Molto bene tra le serie Don Matteo, Braccialetti Rossi, Che Dio ci aiuti. Ottime conferme per Tale e Quale Show e Affari tuoi e per molti programmi prodotti da Endemol. Mentre i talk politici escono con le ossa rotte per colpa proprio della sfiducia che ha la gente nei confronti della classe politica.

Le pagelle dell’anno.

VANESSA INCONTRADA 8

Ha commosso tutti con la sua interpretazione in Un’altra Vita di Raiuno. Ora è attesa su Sky da Italia’s Got Talent.

LE FICTION DI RAIUNO 7,5

Le serie trasmesse dalla rete ammiraglia di Viale Mazzini hanno dominato la stagione. Nella top 20 degli ascolti ci sono solo titoli di Raiuno. In testa il Don Matteo di Terence Hill ha ottenuto una media di 8 milioni di telespettatori. E siamo alla nona edizione.

FLAVIO INSINNA E CARLO CONTI 7,5

Il conduttore di Affari tuoi si può considerare la vera consacrazione del 2014. Piace al grande pubblico e i vertici Rai l’hanno già scelto (si comincia con l’Anno che Verrà) come erede potenziale di Carlo Conti. Colui che non sbaglia un colpo. E che ora tutti aspettano alla prova del nove, il Festival di Sanremo.

 

BARBARA D’URSO E MAURIZIO CROZZA 7,5

Un altro anno di successi per la conduttrice più amata a Cologno e per il comico che ha portato nuovi personaggi alla ribalta del Paese delle meraviglie.

 

ROBERTO BENIGNI 7,5

Grande performance e ascolti super per i Dieci Comandamenti.

 

ELEONORA DANIELE, FEDERICA SCIARELLI, GIANLUIGI NUZZI 7+

La cronaca in tv va meglio della politica. Storie vere, Chi l’ha visto e Quarto grado sono tre programmi baciati dallo share.

 

MASSIMO GILETTI E BRUNO VESPA 7+

L’Arena si conferma talk di grandi ascolti. A Porta a Porta va dato il merito di aver cambiato registro. Non più soltanto un salotto politico ma una finestra sull’attualità. Che fiuto Vespa!

 

GREGGIO-HUNZIKER, MARIA DE FILIPPI, IENE E PAOLO BONOLIS 7+

Si confermano macchine da guerra e il gradimento è sempre alto.

 

ALESSANDRO CATTELAN, J-AX 7+

X Factor e The Voice hanno incrementato il successo. Nel prossimo anno sarà dura confermarsi senza Morgan, Raffaella Carrà e Suor Cristina.

RED RONNIE 7+

La sua RoxyBarTv va fortissimo. Lo testimonia il milione di fans via streaming per il Vasco Night. Ottimi risultati anche per tutti gli special. A cominciare da quello con Jovanotti.

BARBARA PALOMBELLI, MILENA GABANELLI 7

Due conferme. Forum e Report non conoscono crisi.

MARIO SCONCERTI, ILARIA D’AMICO E  MARIA LATELLA 7

Lo sport di Sky è sempre super. Anche se quando perderà la Champions sarà una brutta botta. Ok le interviste della Latella, un classico della domenica mattina.

MARIO ORFEO E GIANCARLO LEONE 7

Tg1 e Raiuno vanno a gonfie vele.

MASSIMO LIOFREDI E FLAVIO MUCCIANTE 7-

Rai Ragazzi, Giornale Radio e Radio 1 sono direzioni che funzionano.

 

REAL TIME 7-

È la tv tematica che più sta scalando la top dello share.

 

MARCELLO MASI, ANGELO TEODOLI 6,5

Il Tg2 e Raidue hanno superato il momento più difficile e ora sono in fase di rilancio.

NICOLA PORRO, PAOLO DEL DEBBIO 6,5

Virus e Quinta colonna sono tra i talk più graditi dal pubblico a casa.

GERARDO GRECO, LILLI GRUBER 6,5

Agorà va benissimo, nonostante la concorrenza. Otto e mezzo una conferma.

INGRID MUCCITELLI E CATERINA BALIVO 6,5

Entrambe in crescita di consensi. Scalano posizioni su posizioni.

MYRTA MERLINO E TIZIANA PANELLA 6,5

Danno lustro e ascolti alla fascia mattutina di La7.

CORRADO FORMIGLI, LUCA TELESE, LUCIA ANNUNZIATA 6+

Piazzapulita, Matrix e In ½ Ora hanno tenuto la carreggiata senza precipitare.

VERONICA MAYA 6

Deludente il suo anno in tv. Si è fatta apprezzare a Tale Quale Show- Se non altro per il belvedere.

GIOVANNI FLORIS E GIANLUIGI PARAGONE 5,5

Per il primo l’avvio della nuova avventura non è stato facile. La striscia era fatta bene, peccato l’orario di collocazione. Stesso discorso anche per la Gabbia.

FABIO FAZIO, LUCIANA LITTIZZETTO 5+

La delusione di Sanremo fa ancora male. Comunque la strana coppia si sta riprendendo grazie al gradimento di Che tempo che fa.

ALL NEWS PER POCHI INTIMI 5

Nonostante gli sforzi e gli investimenti SkyTg24, Rainews e Tgcom24 non decollano come share. Le all news di Mediaset si consolano con i contatti sul web, ma c’è troppa disattenzione (la notte del 30 è andata in onda un’edizione di Sportmediaset vecchia, con all’interno il servizio di presentazione su Milan-Real, quando la partita si era già giocata: ben 8 ore prima!). Sarah Varetto prova a dimenticare gli ascolti bassi con i suoi speciali (fatti molto bene). Monica Maggioni, invece, sogna Washington (ma ce la farà la Rai così in crisi ad aprire la nuova sede?). Tra l’altro sembra finito l’idillio tra il dg e il direttore di Rainews.

MAURO MAZZA 5

La sua rimozione ha fatto molto rumore. Dopo Raiuno gli hanno tolto pure Raisport. Tra lui e Gubitosi sembra esserci un conto aperto. Ora è destinato alla direzione di Rai Vaticano.

PIERLUIGI PARDO, ELISA ISOARDI, SIMONA VENTURA, VICTORIA CABELLO, PAOLA PEREGO 5-

Ascolti dimezzati per Tiki Taka, il programma rivelazione della scorsa stagione, nel quale il cazzeggio ha preso il sopravvento sui temi calcistici. La Isoardi non decolla con la nuova trasmissione. Che fine ha fatto la vecchia SuperSimo? La sua erede Cabello zoppica assai. Gli ascolti di Raiuno non hanno baciato Paola Perego.

MICHELE SANTORO, ANDREA VIANELLO, MASSIMO GIANNINI 4,5

Anno da dimenticare per gli ascolti di Servizio pubblico e Ballarò. Bisogna inventarsi qualcosa di nuovo.

CESARONI E MAX GIUSTI 4,5

L’avventura della famiglia di Claudio Amendola si avvia lentamente sul viale del tramonto. E la prima serata di Giusti su Raidue non è Max.

AGON CHANNEL 4

Viste le premesse sarà difficile farsi spazio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I 5S al bivio della loro storia

Come i capponi di Renzo, che se le davano di santa ragione mentre era già pronta la loro pentola, nei Cinque Stelle si menano come fabbri incuranti del barbecue che li attende, gentilmente offerto dalle élites finanziarie del Paese con i loro camerieri di destra

Continua »
TV E MEDIA