Le prime pagine del 30 giugno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le prime pagine del 30 giugno

Il Corriere della Sera. In apertura: “’Così possiamo tagliare il debito”. L’editoriale di Giovanni Belardelli: “Gli abusivi della cattedra”. Al centro con foto: “I narcos alla battaglia dei sottomarini”. Taglio centrale, a destra: “Bici e pedali scambiati: un’altra ombra nel delitto di Garlasco”. In taglio basso, la vicenda dello scambio di embrioni: “‘Sono figli nostri, non ci arrendiamo’”.

La Repubblica. Apertura: “Cassa integrazione, allarme del governo: ‘Manca un miliardo’”. Al centro con foto: “Berlusconi cambia idea: “Diritti civili ai gay”. DI spalla. “Downing Street, la solitudine del numero 10”. In basso: “Nel paese del ragazzo Neymar”.

La Stampa. L’apertura: “Pagamenti elettronici, la rivolta degli autonomi”. Editoriale di Francesco Guerrera: “I rischi di investitori troppo cinici”. Al centro con foto: “In Italia il mare più carico del Mediterraneo”. In basso, in due box: “Ai Mondiali il ritorno del numero 10” e “Ligabue: i sentimenti sono meglio del rock”.

Il Fatto Quotidiano. In apertura, la fuga all’estero degli italiani: “Cara, esco a comprare le sigarette”. In alto: “Senato, ultimo ricatto di B. Da oggi Renzi si gioca tutto” e “Lo Ior mente a Francesco: restano i conti sospetti”. Di spalla, Marco Travaglio: “Ma mi faccia il piacere”.

Il Sole 24 Ore. L’apertura: “Fisco, è sempre corsa ai bonus: un nuovo sconto ogni 15 giorni”. In alto a destra: “Che fatica fare la Pmi: in Sicilia e Umbria le difficoltà maggiori. L’editoriale di Dino Pesole: “Conti italiani con vista su Bruxelles”. Al centro: “Risparmi, giustizia, pos: ora si cambia”, e sotto: “La ‘prova del nove’ del semestre europeo”.

Il Messaggero. In apertura: “Nuovo Senato, l’immunità resta”. Editoriale di Romano Prodi: “Il Papa e Roma, palcoscenico delle angosce del mondo”. Al centro con foto: “Curia e Ior ostacoli alle riforme di Francesco”. A fianco: “Il piano per la sanità: “Task force nelle Asl, tutti i pazienti in rete”.