L’effetto trans al Grande Fratello riesce a metà. Formigli batte Porro grazie all’uno contro tutti con Marino. Freccero: Renzi, che autorete

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’effetto trans è riuscito a metà. Il Grande Fratello ha confermato di essere un reality molto seguito (anche durante tutta la settimana) ma non è riuscito a fare meglio della Cara Prof di Raiuno. La fiction con Veronica Pivetti e Paolo Conticini ha infatti tenuto incollati davanti al video 5 milioni 471mila spettatori, per uno share pari al 22%. Il Gf ha chiuso con una media di 3 milioni 380mila e il 18%. Il momento dell’entrata nella casa due nuovi inquilini Arianna e Marco, gli sposini che hanno cambiato sesso, ha alzato il picco a 4,3 milioni di spettatori. Un risultato superiore alla media ma inferiore ai 4,6 milioni (30% di share) del momento in cui uno dei concorrenti, Alessandro, entrando nella casa ha scoperto che tra i partecipanti di questa edizione era stata selezionata l’ex fidanzata Lidia. Fino ad allora il ragazzo, ignaro, era rimasto segregato in garage. Picchi e trans a parte, la banda capitanata da Alessia Marcuzzi si consola con i dati dei giovani: il 33,8% nella fascia 15-19 anni. Mediaset esulta invece perché secondo l’azienda di Cologno oltre il 15% degli spettatori del Grande Fratello è composto da abbonati pay di Sky che hanno cercato Canale 5 al di fuori della piattaforma per cui pagano l’abbonamento. E come competitor sulla pay c’era X Factor.

L’UNO CONTRO TUTTI – In attesa di vedere i faccia a faccia tra i big (Renzi, Salvini, Berlusconi, Grillo) arriva dai talk del giovedì una conferma: il format dell’uno contro tutti funziona. È la bombola di ossigeno per il moribondo. A dimostrarlo Piazzapulita di Corrado Formigli che ha ospitato il sindaco Marino accerchiato dagli ospiti e dal conduttore che lo hanno incalzato sui temi di attualità. Alla fine 4,39% di share per il talk di La7 contro il 3,48% del competitor Virus di Raidue.

DI MAIO AFFONDA – «L’attacco del Pd alla Rai e ai talk è un grande segno di debolezza di Renzi – affonda Luigi Di Maio, leader del M5S e vicepresidente della Camera – ha paura che oggi la tv possa fargli perdere consenso. Vorrebbe una tv a sua immagine e somiglianza perché evidentemente si sente debole. Perciò attacca».

IL SEGRETO DI FRECCERO – «Quello che dovrebbe preoccupare Renzi, più di Rambo, è che in televisione vincano le telenovelas come Il Segreto perché è il segno di un Paese che si sta addormentando. L’informazione ha perso il pubblico più interessante: quello giovane». Così Carlo Freccero, consigliere di amministrazione Rai, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7, è tornato sulla polemica sui talk show. «La Rai – ha sottolineato Freccero – secondo me è vincente sull’informazione e per questo dobbiamo difenderla. E la difesa passa per la libertà di espressione». Sempre secondo Freccero: «Il pd Anzaldi è un democristiano che vorrebbe riportare la Rai agli anni ‘50. Renzi voleva la rottamazione, invece fa antiquariato. E così si è rotta l’empatia che aveva con la sua audience. Un errore clamoroso, controproducente, dannoso».

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA