L’Isola gira intorno alla Ventura. Il reality di Canale 5 vuole Super Simo come naufraga. Ma lei accetta solo se le fanno presentare il Gf dei vip

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Mai come per questa edizione sono circolati decine di nomi di naufraghi pronti a sbarcare sull’Isola dei Famosi. Dopo lo slittamento del Grande fratello vip all’autunno Canale5 si gioca tutto con il reality in onda da inizio marzo con tre certezze assolute: la conduzione di Alessia Marcuzzi, gli opinionisti Alfonso Signorini e Mara Venier. Ma alla vigilia delle prove generali prima della partenza in Honduras pare ancora irrisolto un nodo fondamentale, la presenza di Simona Ventura. L’ex conduttrice dell’Isola quando era un format Rai avrebbe ritardato la firma del contratto che la vede naufragare insieme agli altri “morti di fama” per cercare di spuntare un cachet più alto con Ballando con le stelle di Rai uno. Finora, infatti, la conduttrice non ha ancora sciolto le riserve dicendo ufficialmente no a Milly Carlucci che tanto la vorrebbe nel suo cast. Intanto la girandola dei nomi vede in ballo Enrico Papi (lo vuole pure la Carlucci a Ballando), Pamela Prati, Marco Carta, Moreno, Matteo Cambi, Marina Fiordaliso e Diego Armando Maradona. Nessuno ha firmato il contratto.

C’è CHI DICE NO – Monica Setta ha rifiutato l’invito. “Quando arriva un’offerta per l’Isola bisogna pensarci”, confessa la giornalista, “io ci ho fatto un pensierino per rimettermi in gioco non solo come giornalista ma come donna. Poi ha prevalso il buon senso e il fatto che un giornalista non può fare spettacolo”. Meglio restare in Rai come autrice di tre programmi (e un altro progetto è sul tavolo del direttore di RaiRagazzi).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA