Littizzetto incendia il Vesuvio. Una battuta sui napoletani scatena il finimondo. Ma la Tv ci ha abituato alle gaffe. Luca Giurato il top

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La tv ci ha abituato a tutto. Risse, gaffe, fuori onda, falsi scoop, parolacce, papere. Figuracce di ogni tipo. Stile Paperissima, per intenderci. Se poi però le gaffe le commettono i vip ecco che il fattaccio viene immortalato, visto e rivisto a ripetizione sul web. Oops, è il bello della diretta, viene detto in queste occasioni, ma di bello c’è veramente poco quando una parola viene usata come un detonatore. Indimenticabile una frase pronunciata dallo scrittore Giovanni Arpino, che commentando il famoso gol annullato a Turone in Juve-Roma disse al Processo del Lunedì che era giusto non convalidarlo perché «la romanità va punita». Nella Capitale scoppiò il finimondo. I romani (e non solo i romanisti) non si incazzavano così dai tempi del Sacco compiuto dai lanzichenecchi.

NAPULE È
Una battuta di Luciana Littizzetto sui napoletani ha fatto esplodere pure il Vesuvio. Peggio di un coro allo stadio. L’attrice nel suo monologo di Che tempo che fa si è lasciata andare: «I vandali di Piazza di Spagna erano civilissimi olandesi, mica napoletani». Battuta sarcastica che in realtà voleva solo mettere in cattiva luce i non certo civilissimi olandesi, ma che però usando a sproposito i luoghi comuni ha finito per far infuriare i napoletani. La scivolata è comunque sempre in agguato.

LANDINI E VENIER
Recenti sono anche le gaffe di Maurizio Landini all’Aria che tira di La7 e di Mara Venier all’Isola dei famosi. Il leader della Fiom è stato ripreso da Myrta Merlino sugli sgravi delle assunzioni con il Jobs Act. L’ex Domenica In ha svelato ai naufraghi dell’Isola il barbatrucco della seconda spiagga, quella di Playa Desnuda. A proposito di Domenica In, c’è Paola Perego che fa concorrenza a Luca Giurato nella top delle gaffe. La conduttrice è riuscita a sbagliare il nome del neonato in casa di Pino Insegno: «La famiglia di Domenica in si è allargata. È nato Alessio, il figlio di Pino» – ha detto la signora Presta – «No, si chiama Alessandro. Alessia è mia moglie», ha replicato Insegno. Di conduttrice in conduttrice, Georgia Luzi a Unomattina si fece vedere sbalordita da un calice di vino rosso che però aveva anche il gambo colorato di rosso e affermò: «Questo bicchiere è particolare, il vino scende fin giù!». Poveri noi. Indimenticabile pure la gaffe di Paolo Ruffini con Sophia Loren sul palco del David di Donatello (topa meravigliosa) e l’imbarazzo di Paolo Bonolis quando Marco Mazzocchi chiese a un collega di Raisport di toccare il sedere al conduttore come portafortuna. Bah! Come degna conclusione che cosa c’è di meglio del seno nudo di Veronica Maya a Tale e quale Show?

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA