Lorella Landi fa il bis, Bruchi invece fa flop

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Al settimo piano di viale Mazzini li chiamano i “last minute” ossia le conduzioni di programmi che vengono fuori così all’ultimo minuto per coprire un buco o sistemare una faccenda di esclusiva. Se nel prime time le due regine resteranno Antonella Clerici e Milly Carlucci, nel pomeriggio pare ormai fatta per Paola Perego a La vita in diretta mentre Unomattina della prossima edizione resta nelle mani della confermata Elisa Isoardi. Ma all’interno del contenitore sono in arrivo molte novità. Eleonora Daniele orfana di Linea verde che lascia ad Ingrid Muccitelli dovrebbe prendere la guida di Storie vere mentre prima di lei per il segmento “rosa” sarebbe in arrivo nientemeno che Lorella Landi, signora del pomeriggio del sabato, avvistata spesso negli ultimi tempi nell’ufficio del direttore di Rai1 Giancarlo Leone. Lorella, stando ai boatos, avrebbe trovato più di un santo in Paradiso e si prepara a fare il bis, un settimanale Le amiche del sabato e una presenza quotidiana dentro Unomattina. A Domenica in è destinata invece Mara Venier che torna regina del rotocalco domenicale a cui ha regalato in passato ascolti altissimi. Lorella Cuccarini che è stata confermata a Radio1 Rai con il suo programma Citofonare Cuccarini perde la conduzione del settimanale domenicale ma debutta con un nuovo format in prime time. Acque più agitate a Rai2 dove il direttore Angelo Teodoli vive giorni assai complicati. La seconda serata di economia 2Next condotta da Annalisa Bruchi, moglie di Mario Valducci (fra i fondatori di Forza Italia) aveva ospite il presidente degli industriali Giorgio Squinzi ma ha racimolato una ben magra figura portandosi a casa un ascolto poco sopra il 2% pari a circa 400mila spettatori. Il programma che ė previsto in palinsesto anche in autunno non funziona ed è una grana per Teodoli che ha già sulle spalle il flop di Aggratis la seconda serata di Fabio Canino e Chiara Francini. Per correre al ripari ha collocato in prima serata Made in Sud con Elisabetta Gregoraci, moglie di Flavio Briatore sperando di racimolare qualcosa di vicino all’8%. Anni fa quando i programmi di Rai2 in prime time facevano l’8 o il 9 si gridava allo scandalo, oggi lo speciale su Renato Zero che ha totalizzato il 9 viene strombazzato come un gran successo di Teodoli! Così come viene “venduto” al pari di un successo Detto fatto che non raggiunge il milione di spettatori in due ore (la media di quella fascia era poco sotto i 2 milioni) ma essendo prodotto da Endemol e condotto da Caterina Balivo verrà riconfermato anche l’anno prossimo. Come la metterà la Rai quando dovrà vendere gli spot della pubblicità a costo “stracciato” sulla base di un risultato del day time che non si schioda, in media, dal 5/6 per cento?

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA