Luana D’Orazio: la giovane mamma morta in un incidente sul lavoro a Montemurlo

LUANA D'ORAZIO 123
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Luana D’Orazio, giovane operaia e anche giovane mamma di un bambino di 5 anni, è morta ieri in un azienda tessile a Montemurlo in provincia di Prato. È deceduta in un incidente sul lavoro, finendo dentro l’ingranaggio dell’orditoio, la macchina che permette di preparare la struttura verticale della tela che costituisce la trama del tessuto.

Luana D’Orazio: la giovane mamma morta in un incidente sul lavoro

Viveva a Pistoia, con i genitori e il fratello. Lavorava da circa un anno in un’azienda tessile, Orditura Luana, in provincia di Prato, a Oste di Montemurlo. Secondo una prima ricostruzione, la 22enne sarebbe rimasta impigliata nel rullo del macchinario a cui stava lavorando venendo poi trascinata. Accanto a lei c’era un collega, girato di spalle: quando si è voltato ha visto quello che era successo, ma ha riferito di “non aver udito grida di aiuto”. L’allarme è scattato subito, sul posto arrivati oltre ai vigili, carabinieri e sanitari, ma i soccorsi sono risultati vani. Intervenuti anche i tecnici della Asl Toscana centro: hanno posto sotto sequestro macchinario e circostante area per la verifica dei dispositivi di sicurezza. La magistratura ha disposto l’autopsia.

I vigili del fuoco hanno potuto soltanto estrarre il corpo senza vita, il macchinario è stato sequestrato. La procura ha aperto un’inchiesta e accertamenti sono in corso anche da parte
della Asl. Sono stati i carabinieri ad avvertire la famiglia della ragazza. Decine i messaggi di condoglianze sui social, ma presto anche la rabbia dei sindacati che chiedono «più sicurezza per i lavoratori». Lo dice anche il sindaco di Montemurlo, Simone Calamai: «Dobbiamo fare tutto il possibile per migliorare la sicurezza sul lavoro, perché non è mai troppa».

Appena tre mesi fa a Montale, sempre nel pratese, un caso simile in un’altra azienda tessile, quando Sabri Jaballah, 22enne di origini tunisine, aveva perso la vita sotto una pressa. «Non si può morire sul lavoro a nessuna età» dice il presidente della Toscana Eugenio Giani esprimendo il cordoglio alla famiglia della giovane.

Leggi anche: Come faceva Renzi a sapere del video inviato in segreto a Report?

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA