Ma che ha in testa Conte?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La frase sibillina di Antonio Conte sugli scudetti revocati a Fabio Capello dopo la sconfitta con il Chievo ha scatenato tutti coloro che non hanno ancora digerito il post Calciopoli e messo in imbarazzo la dirigenza e il patron Andrea Agnelli che ha sempre rivendicato quei due scudetti tolti dalla Federcalcio.

Diciamo la verità, Antonio Conte poteva risparmiarsela. Finora ha mostrato di esaltarsi davanti agli attacchi e alle critiche, di essere pronto a fare la guerra contro il mondo pur di difendere il suo gruppo, i suoi giocatori e il suo lavoro. Un po’ alla Mourinho per intenderci. Testardo, solo contro tutti.

I recenti appunti da ‘guru’ di Fabio Capello però non gli sono andati proprio giù e hanno fatto perdere a Conte il lume della ragione tanto da fargli dire una frase blasfema per uno juventino puro sangue come lui: “La Juventus di Capello non la ricordo per il gioco ma per i due scudetti revocati”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA