Manette nell’inchiesta Consip. Arrestato l’imprenditore Romeo: è accusato di corruzione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’imprenditore Alfredo Romeo è stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta sulla Consip, in cui risultano indagati anche il ministro dello Sport, Luca Lotti, e Tiziano Renzi, padre dell’ex presidente del Consiglio. Romeo è accusato di corruzione per il rapporto con Mario Gasparri, dirigente della Consip. Il provvedimento cautelare è stato eseguito dal comando Carabinieri tutela ambiente, dai militari dell’ Arma di Napoli e dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Napoli.

Secondo gli inquirenti, l’imprenditore versava somme di denaro a Gasparri per ricevere in cambio di informazioni privilegiate che ponevano le società di Romeo in una condizione di vantaggio per l’assegnazione di alcuni bandi di gara. Le indagini sono state avviate nei mesi scorsi dai pm di Napoli, Henry John Woodcock e Celeste Carrano. Successivamente gli atti sono stato trasferiti alla Procura di Roma.