Manuel Bortuzzo potrebbe tornare a camminare. La lesione midollare non è completa. “Per 12 millimetri sono vivo. Spero con grande tenacia di potercela fare”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Per 12 millimetri sono vivo, nella sfortuna mi è andata bene. Probabilmente un filamento di midollo è intatto e potrei tornare a camminare”. E’ quanto ha detto Manuel Bortuzzo, il nuotatore gravemente ferito da un colpo di pistola la notte tra il 2 e il 3 febbraio scorso a Roma, presentando, a Che tempo che fa su Raidue, il suo libro Rinascere. “Una notizia pazzesca – ha detto ancora Manuel commentando una foto che lo ritrae con il padre -, come tutto quello che ho fatto in questi nove mesi e ho sempre voluto tenere per me perché quando si parla di cose di cui non si è sicuri, quando si va incontro alla medicina è sempre meglio andarci con calma. Ho sempre fatto tutto solamente per me e in questo libro ho voluto annotare i progressi, i miglioramenti, tutto. Mio padre mi sostiene nella vita e mi sostiene anche in piedi e questa foto rappresenta la forza di volontà. Spero con grande tenacia di potercela fare”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA