Manutenzioni fantasma sugli autobus Cotral. Arrestato un imprenditore e 50 persone indagate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Grazie a manutenzioni fantasma molti autobus della Cotral continuavano a viaggiare liberamente senza gli standard di sicurezza. L’indagine dei finanzieri del comando provinciale di Roma ha portato all’arresto di un 55enne romano titolare di una società affidataria dell’appalto per la manutenzione e riparazione degli autobus di linea regionali. Le accuse per lui sono di truffa aggravata ai danni dello stato e frode in pubbliche forniture. L’indagine mette in luce “una reiterata e spudorata condotta fraudolenta realizzata da più società appaltatrici che, con la complicità di alcuni dipendenti infedeli di Cotral che hanno certificato la corretta esecuzione delle manutenzioni degli autobus di linea, hanno incassato somme per prestazioni mai eseguite”.

Le persone finite sotto la lente dei finanzieri sono nel complesso cinquanta. Tra di loro ci sono alcuni imprenditori a cui vengono contestati a vario titolo pure l’attentato alla sicurezza dei trasporti, l’ abuso d’ufficio e la turbata libertà degli incanti. I finanzieri contestano “svariate irregolarità commesse dai dipendenti Cotral che appaiono sintomatiche della volontà di avallare condotte delittuose. In tutte le ipotesi in argomento il delitto di frode nelle pubbliche forniture deve ritenersi consumato non occorrendo il proposito dell’autore di conseguire un indebito lucro o il patimento di danno per l’ente pubblico”. La polizia giudiziaria ha attestato il pagamento delle fatture e l’indebito percepimento per euro 91.477,84″.