Da venerdì 7 aprile il nuovo Matrix tutto in rosa di Piero Chiambretti. L’unica eccezione è Gene Gnocchi. In studio Anna Maria Barbera e Francesca Barra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Parte venerdì 7 aprile il Matrix di Piero Chiambretti. che affiancherà quello di Nicola Porro. Illuminato dalla manifestazione di piazza con sette milioni di donne all’indomani dell’elezione negli Stati Uniti di Donald Trump, Chiambretti ha dato il via al nuovo progetto. Immaginando il suo Matrix come un programma al femminile. Ci sarà un pubblico di sole donne in studio, mentre gli uomini saranno utilizzati quasi esclusivamente per i collegamenti esterni. Si parte in seconda serata. Ma Pierino, che vuole tornare a essere la peste televisiva, spera nei dati dell’Auditel per provare il grande salto. L’unica eccezione al parterre femminile è la presenza fissa in studio di Gene Gnocchi.

Un programma in rosa – Emma Bonino sarà la protagonista del faccia a faccia della prima puntata. Tra le protagoniste in studio ci sarà Anna Maria Barbera, la Sconsolata di Zelig, che aprirà ogni puntata con una riflessione legata all’universo femminile. Negli studi di Matrix ci sarà anche il grande ritorno di Francesca Barra, che era stata inviata della trasmissione nell’edizione condotta da Luca Telese. Una presenza fissa quella della giornalista e opinionista lucana, che si appresta a vivere un mese di aprile sulla cresta dell’onda. Il 18 aprile, infatti, edito da Garzanti, uscirà il suo ultimo libro L’estate più bella della nostra vita.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA