Maxi truffa a banche e finanziarie

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo stanno eseguendo in tutto il territorio nazionale 27 provvedimenti restrittivi emessi dal Gip del Tribunale di Palermo su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. Gli arrestati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di “associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio, anche ai danni di noti istituti di credito e numerose societa’ finanziarie, e la pubblica fede, nonche’ di riciclaggio degli illeciti profitti”.  Nel corso dell’operazione, denominata “Cala s.p.a.”, sono stati sequestrati beni per un valore di circa 10 milioni di euro.

Tra gli indagati dell’operazione Cala Spa ci sono anche avvocati, commercialisti e imprenditori che facevano capo a otto società. Tra i destinatari del provvedimento anche un ex agente della polizia di Stato che sarebbe accusato di aver violato il sistema informatico del ministero dell’Interno. Sono state arrestate anche tre persone ritenute contigue a Cosa nostra.  Le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore Geri Ferrara e condotte dal nucleo investigativo dei carabinieri di Palermo.

 

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA