Mazzettari fuori dal carcere, FdI sta con La Russa. Il senatore Balboni difende la norma definita Salva-Formigoni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non solo La Russa. All’interno di Fratelli d’Italia sembra un pensiero condiviso quello di bloccare in parte lo spazza-corrotti, per evitare che finisca in carcere anche chi ha commesso reati prima dell’approvazione della nuova norma. Lo conferma il senatore Alberto Balboni, di FdI appunto, membro della Commissione giustizia e della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari. L’ex ministro Ignazio La Russa ha presentato un disegno di legge per modificare lo spazza-corrotti.

Per l’esponente del partito di Giorgia Meloni, in carcere dovrebbero finire solo quanti sono stati condannati in via definitiva per reati compiuti dopo l’approvazione della legge caldeggiata dal Movimento 5 Stelle. “Sono assolutamente d’accordo – dichiara il senatore Balboni – e di tale argomento si è parlato molto in commissione giustizia. Applicare la norma retroattivamente è un’incongruenza ed è contro la Costituzione. C’è chi sostiene che è soltanto una questione procedurale, ma non è così visto che si discute della libertà delle persone. Lo stesso Governo – prosegue – se ricordo bene si era impegnato a trovare una soluzione. Se questo problema non verrà risolto dal Parlamento ci penserà la Corte Costituzionale”.

Lo spazza-corrotti in linea generale ha convinto Fratelli d’Italia. “Abbiamo votato a favore – precisa sempre l’onorevole Balboni – seppure con alcune riserve. In generale abbiamo dato un giudizio positivo a questa norma, pur rammaricandoci per la mancata approvazione di alcuni nostri emendamenti che l’avrebbero migliorata”. Ma sul carcere per chi ha commesso reati prima dell’ok allo spazza-corrotti il giudizio è negativo. Tutti d’accordo con Ignazio La Russa e di fatto tutti favorevoli a una modifica della legge che salverebbe anche Roberto Formigoni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA