MediaPro va in gol. Al gruppo spagnolo i diritti Tv per la serie A dal 2018 al 2021. Ma Sky diffida la Lega: “Inammissibile”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Diritti televisivi del prossimo campionato di seria A a MediaPro. Il gruppo spagnolo se li è aggiudicati per il prossimo triennio con un’offerta “pari a 1.050.001.000 euro”, che è superiore al prezzo minimo previsto dal bando.

Decisione presa questa mattina dall’assemblea della Lega di serie A (commissariata la scorsa settimana). Erano presenti tutti i rappresnetati dei club della massima serie del campionato italiano e i due vice commissari Paolo Nicoletti e Bernardo Corradi. Non c’era il commissario Giovanni Malagò che si trova in Corea del Sud per i Giochi Olimpici invernali.

A rappresentare MediaPro in Lega c’era il presidente Jaume Roures, insieme al socio storico Tatxo Benet. Gli spagnoli hanno presentato due offerte una per la realizzazione del canale tematico della Lega e quella, poi accolta, per l’acquisto delle partite dell’intero campionato del triennio 2018/21. Tradotto nella pratica il gruppo spagnolo produrrà e potrà rivendere le partite agli operatori di ogni piattaforma.

Dura risposta da parte di Sky che ha “diffidato la Lega dall’assegnare a MediaPro i diritti audiovisivi della Serie A per le stagioni 18-21″. Secondo l’emittente di Murdoch “il gruppo audiovisivo spagnolo, pur avendo presentato un’offerta per il bando rivolto esclusivamente agli ‘intermediari indipendenti’, non opererebbe come un intermediario indipendente, ma come un vero e proprio operatore della comunicazione”. Questo perché, sostiene Sky, “MediaPro avrebbe avviato nel corso della trattativa privata una negoziazione con la Lega per realizzare uno o più canali tematici anche sotto forma di canali ufficiali della Lega, curandone i palinsesti e la veste editoriale”. E, inoltre, “avrebbe negoziato con l’intenzione di vendere spazi pubblicitari sugli stessi canali, concludere accordi per la distribuzione di tali canali con gli operatori della comunicazione interessati e ripartire i profitti con la Lega”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA