Migranti, 26 donne morte a bordo di una nave attraccata a Salerno. La Procura valuta l’ipotesi di omicidio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ennesima tragedia del mare racconta di 26 donne morte a bordo della nave spagnola Cantabria arrivata oggi a Salerno. Sulla nave viaggiavano circa 400 migranti. Adesso indaga la procura di Salerno. “Una tragedia dell’umanità – l’ha subito definita il prefetto di Salerno, Salvatore Malfi – credo che la procura si attiverà da subito per valutare se possa trattarsi di altrettanti omicidi”.

Le vittime sono donne presumibilmente di nazionalità nigeriana e sarebbero affondate in mare quando erano a bordo di un barcone su cui sembra che viaggiassero anche altri uomini. Le donne, infatti, sarebbero morte per annegamento. Viene, per ora, esclusa l’eventualità che possa trattarsi di donne destinate alla tratta. Ultimati gli accertamenti che il caso impone, nove cadaveri verranno sepolti nel cimitero del Comune di Salerno e i restanti nei comuni limitrofi.