Migranti, Conte non si piega all’Europa. La Merkel assicura: “accantonata la bozza Ue sull’immigrazione”. Il confronto con gli altri Paesi comincia dalla proposta italiana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non c’è un test già preconfezionato sull’immigrazione. Il premier Giuseppe Conte ha ricevuto le rassicurazioni dalla Cancelliera tedesca Angela Merkel in vista del vertice di domenica a Bruxelles sui migranti. La Merkel ha parlato di un misunderstanding rispetto a una bozza che nella giornata di ieri circolava con insistenza.

L’Italia quindi dovrebbe riuscire a presentare la propria proposta sul tavolo per discuterne insieme agli altri Paesi europei. Cosa ci sarà all’interno della proposta italiana? Tra i punti che il governo sottoporrà ai partner c’è la creazione di “centri di protezione europei” nei Paesi di origine e transito per la valutazione del diritto di asilo, l’incremento dei rapporti con i Paesi terzi per fermare i “traffici di morte” e il rafforzamento delle frontiere”.

Al termine della giornata di domenica non verrà redatto un testo comune, ma solo con un summary delle questioni affrontate e sulle quali si discuterà anche al prossimo Consiglio europeo. L’Italia, rispetto alla bozza circolata, contesta la parte in cui si fa riferimento alla necessità di ridurre i movimenti secondari evitando attraversamenti illegali delle frontiere interne tra Stati membri di migranti e richiedenti asilo e assicurando procedure veloci per i trasferimenti verso il Paese competente. Che sarebbe l’Italia per quel che concerne le partenze dalle coste libiche.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA