Milano, al palo la riqualificazione degli stabili Aler di via Gola

Di Marco (M5S): “Manca ancora una data per l'inizio dei lavori in via Gola. Nel frattempo la situazione peggiora sempre di più".

“Manca ancora una data per l’inizio dei lavori in via Gola. È questo quello che emerge dalle risposte che l’Azienda ha dato a un mio accesso agli atti, in cui chiedevo informazioni e aggiornamenti sullo stato di avanzamento dei piani di rigenerazione del quartiere”. È quanto afferma il consigliere regionale del M5S, Nicola Di Marco, in merito allo stato di avanzamento dei lavori di rigenerazione urbana degli stabili Aler di Via Gola a Milano.

Milano, al palo la riqualificazione degli stabili Aler di via Gola

La denuncia del consigliere Di Marco (M5S): “Manca ancora una data per l’inizio dei lavori in via Gola. Nel frattempo la situazione peggiora sempre di più”

“Da anni giacciono nei cassetti di Regione Lombardia ed Aler i fondi per la riqualificazione – denuncia l’esponente M5S -, ma i due responsabili non sembrano essere in grado di definire cosa fare per intervenire. Infatti è bene ricordare che, insieme a via Bolla, fa parte del di un programma di interventi sottoscritto nel 2019 tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e Regione Lombardia. Praticamente è stata buttata una intera legislatura senza che si sia vista una azione concreta”.

“Nel frattempo – spiega ancora Di Marco – la situazione peggiora sempre di più. Ho visitato personalmente gli stabili di via Gola, in cui in alcuni civici sono installati dal 2016 dei ponteggi. I residenti non escono da casa per paura di occupazioni abusive o furti, non vanno in vacanza per poter sorvegliare gli alloggi. C’è poi chi è costretto per motivi di salute ad allontanarsi da casa, con il terrore di non rivedere più la propria casa”.

Intanto i muri si scrostano e gli edifici cadono a pezzi, mentre gli inquilini sono obbligati a sopportare tutta questa inefficienza. Di fronte a tutto ciò, da Aler arriva la solita risposta fredda e spietata, dove non si assume mai la responsabilità dello stato disastroso in cui obbliga a vivere migliaia di inquilini.

Per questo ho voluto, con il mio gruppo, realizzare una videodenuncia per mostrare esplicitamente osa succede nella Regione della eccellenza, apparente, del centrodestra Lombardo.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram