C’è Milly, i giovani cambiano rete. Su Rai1 l’effetto Sanremo svanito in una settimana. La media di Ballando è over. De Filippi più under

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

È bastata appena una settimana per riallontanare i più giovani dalla tv. Da Raiuno, per la precisione. Con Sanremo la fascia 15-34 anni aveva ottenuto uno share addirittura superiore alla media generale (55% contro 52,5%). Appena sette sere dopo e la fascia è scesa all’11,7% su una media totale più che dimezzata (20,8%). In onda c’era il Ballando di Milly Carlucci che evidentemente – a cominciare dai concorrenti – non risulta essere un’attrazione per i giovani. Anzi, se si fa il confronto con il competitor di Canale 5 non c’è chance per Milly, Rita Pavone e Lando Buzzanca. Cominciamo dalla media: 4,5 milioni contro 5,5 di C’è posta per te. La media share della fascia 15-34 della De Filippi è il 31,37%, a conferma che la signora del Biscione piace anche ai giovani. Per Ballando successo solo tra gli over 55 (30,1% contro 21,1%). Per Raiuno l’exploit del Festival tra i più giovani era stato preso come un trionfo. La media dell’ammiraglia è molto più vecchia rispetto a Raidue che stasera ripresenta al via Made in Sud (la media dei telespettatori che lo vedono è di 42-43 anni, mentre domani sera riparte The Voice con Raffaella Carrà, Killa, Dolcenera e Max Pezzali), la cui media telespettatori è di 45 anni.

SCONTRO NUZZI-MAYER – I complimenti di Sandro Mayer nei confronti di Salvo Sottile a Ballando non sono andati giù a Gianluigi Nuzzi. Ha detto Mayer: “Quarto Grado senza Sottile è diventata un’altra cosa e vorrei dire che vedendoti ballare io ti do 10 perché mi piace che un giornalista si metta in gioco”. Il giorno dopo è arrivata la risposta di Nuzzi, che su Facebook ha postato una foto che mette a confronto il Sandro Mayer in versione naturale con il Sandro Mayer “capellone”, e ha scritto: “Il rapporto tra l’ex direttore di Gente e il giornalismo è uguale a quello tra lui e il suo parrucchino. Per ovvi motivi non scuote mai troppo la testa, non alza mai la voce, in fondo mai una inchiesta che dia fastidio, una notizia che sia una. Ha ragione quando dice che oggi Quarto grado è diventata un’altra cosa, ma per cortesia lezioni di giornalismo e tv proprio da lei che non ne ha mai fatta, proprio no. Un abbraccio da calvo a calvo”.

J-AX AD AMICI – L’abbiamo capito subito. Vista la sua amicizia con la De Filippi. Quando J-Ax se n’è andato da The Voice in mente aveva il passaggio ad Amici. E così è stato. Confermate Elisa ed Emma.

IL TG5 SI RINNOVA – Era ora. Anche il Tg5 si è rifatto il trucco. Il direttore Clemente Mimun è fiero. Mediaset ha messo a disposizione del telegiornale il sistema Dalet Galaxy, uno dei più completi del mondo. I giornalisti che faranno servizi esterni non avranno più bisogno di una troupe con operatore, fonico ed elettricista. Saranno soli. Mimun è alla ricerca di nuovi talenti. Vuole ragazzi curiosi che abbiano passione (non importa se sono già iscritti all’Ordine oppure no). Li valuterà con l’aiuto di Paolo Liguori. Mimun dice di non aver mai assunto a Rai e Mediaset giornalisti raccomandati.