Milly e il vagabondo Albertazzi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Che cosa non si farebbe per gli ascolti! Ne sanno qualcosa i telespettatori che assistono inermi alle trovate di autori e conduttori. Una volta ci si limitava a mettere una donna con le gambe accavallate in prima fila alla Domenica sportiva per soddisfare il pubblico maschile a casa. Poi si è è pensato al pubblico femminile e le storie sentimentali, con tanto di lacrime al seguito, hanno fatto irruzione all’interno di programmi contenitori. Oggi invece si lavora sugli ospiti, sulle litigate e sugli abbandoni in diretta.

 

TRAVAGLIO E SANTORO

L’ultimo protagonista Marco Travaglio, addirittura nel programma di Michele Santoro, edito dal Fatto quotidiano. È come vedere Pirlo che non passa il pallone a Tevez, o Totti che ignora Gervinho. Comunque il Travaglio di Santoro ha portato bene e il picco di ascolti dell’11% è stato toccato proprio nel momento dello scazzo. Per giorni ci si è chiesto se tra i due l’amicizia sia davvero finita. Se Travaglio giovedì prossimo sarà regolarmente in studio. Se si scuserà o chissà quant’altro.

Di certo tutti hanno avuto da ridire sul fattaccio. Chi la pensa in un modo chi in un altro. Ha ragione Travaglio o Santoro? Coppi o Bartali? Chi dei due ha passato la borraccia all’altro? È stato scomodato a dare un parere il patron de La7, Urbano Cairo. Si è invece tolto qualche sassolino Luca Telese, un ex (ancora avvelenato)del Fatto quotidiano. La pace è fatta e giovedì Travaglio sarà al suo posto regolarmente. Probabilmente un po’ meno nervoso di giovedì scorso, ma sempre pronto a pungere. Del resto – l’ha detto lui – non è mica una foca ammaestrata e nemmeno l’amico Santoro può dirgli cosa dire.

ALBERTAZZI E CARLUCCI

Un’altra maga Circe del marketing è Milly Carlucci che con Bibi Ballandi ormai fa le pentole e pure i coperchi. Avere tra i concorrenti di Ballando con le stelle il 91enne Giorgio Albertazzi e Giusy Versace, che non ha le gambe ma le protesi, è stata una mossa discutibile e azzardata solo in apparenza perché nel primo mese del programma si è parlato molto dell’attore che non balla e che falsa la gara, perché i giudici lo trattano con un eccessivo rispetto, e della protesi che è partita come un missile durante un ballo. Telespettatori in diretta commossi e naviganti a caccia del video su internet.

Un’eccellente manovra di lancio pubblicitario del programma. Non a caso anche gli ascolti ne hanno beneficiato. Poco importa se l’accordo con Albertazzi era a breve termine. Quel che è stato è stato. E ora avanti il prossimo.