Minori di Serie B nel Mezzogiorno. Tanti ma lasciati senza servizi: Campania e Calabria conquistano la maglia nera

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nonostante le difficoltà e la carenza di servizi, nel Sud del Paese si fanno più figli. Che però sono costretti a vivere senza poter contare sui servizi che i coetanei del Nord hanno a portata di mano. Nessuna sorpresa in un Paese che continua a viaggiare a due velocità quasi su tutto. Questo quadro emerge dai report sulla Povertà educativa curati da Depp Srl – Data, Engagement, Platforms, Politics. Per la prima volta è stata prodotta una ricerca estremamente dettagliata e basata su banche dati comunali che vanno a scattare un’istantanea sullo stato reale del Paese, territorio per territorio.

Città per città – Il dato complessivo evidenzia che i minori tra 0 e 2 anni in Italia sono circa 1,5 milioni, ovvero il 2,5% dell’intera popolazione. Passando a un’analisi ancor più dettagliata emerge che a livello comunale la più alta presenza di bambini sotto i tre anni si registra nelle tre grandi città del Sud: Palermo (2,8%), Catania (2,76%), Napoli (2,65%). Seguono Milano (2,6%), Roma (2,58%) e Torino (2,5%). Passando al setaccio anche i Comuni più piccoli risulta ancora più evidente la prevalenza di minori nei comuni meridionali. Passando alla fascia d’etra tra i 6 e i 17 anni sono oltre 6,8 milioni, ovvero oltre l’11% dell’intera popolazione. E ancora una volta a guidare la speciale graduatoria ci sono città del Mezzogiorno quali Napoli, Catania, Palermo e Bari. Peccato che all’elevata presenza di minori non corrispondano investimenti per permettere loro di crescere con maggiore serenità. E le carenze del Mezzogiorno nella vita quotidiana non riguardano soltanto i piccoli paesini o le aree più difficilmente raggiungibili, ma non sono ben evidenti anche nelle grandi città del sud d’Italia. Calabria e Campania risultano le due Regioni in grado di offrire meno servizi ai bambini. Dove a mancare, in primis, sono le strutture scolastiche dove poter educare i piccoli. Impietoso anche il confronto con l’obiettivo fissato dall’Europa, quota 33% che dovrebbe essere raggiunta dai servizi alla prima infanzia. Peccato che la media italiana si attesta al 22%. Sopra la media solo Valle d’Aosta, Emilia Romagna , Umbria e provincia di Trento.

Sul territorio – Le situazioni variano caso per caso. Un’eccellenza è sicuramente Prato con il 51% di copertura di servizi alla prima infanzia. Ma anche al sud non occorre fare di tutta l’erba un fascio, visto che i comuni montuosi della provincia di Ragusa, a quota 35%, superano ampiamente la media italiana. Centrano una copertura dello 0%, invece, i comuni di montagna nelle province di Foggia, Caltanissetta, Siracusa e Reggio Calabria. Torniamo alle eccellenze, come quella piemontese per la presenza di biblioteche e palestre nelle scuole. Copertura sportiva eccellente anche per gli alunni Friuli e Toscana. Dolenti note dalla scuole per quanto riguarda le strutture che nel 73% dei casi si trovano a convivere con rischi sismici. Sotto la media Veneto, Puglia, Lombardia, Piemonte e Sardegna. Mentre i piccoli della Basilicata sono quelli maggiormente in pericolo. Alunni lucani che, però, possono contare su una buoni servizi di trasporto, al contrario di Lazio, Campania e Calabria. Ovviamente da comune a comune le situazioni presentano eccellenze o carenze clamorose. Certo è che sul capitolo servizi il sud paga ancora il prezzo più alto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA