Morto per Covid il serial killer dei treni. Bilancia stava scontando 13 ergastoli per 17 omicidi nel carcere di Padova

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il serial killer dei treni, Donato Bilancia, condannato a 13 ergastoli per 17 omicidi e 16 anni per un tentato omicidio, avvenuti tra il 1997 e il 1998 tra la Liguria e il Piemonte, è morto ieri in carcere a Padova a causa del Covid. Bilancia scontò i primi anni di prigione al carcere di Marassi a Genova, per poi essere trasferito a Padova dove stava scontando la pena al carcere Due Palazzi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA