I tiggì boicottano i Cinque Stelle. Poco spazio nei notiziari per il Movimento di Grillo. Mentana è generoso. Ma a Sky Tg24 cambia il vento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Più crescono nei sondaggi più scende lo spazio all’interno di tutti i telegiornali. È il destino crudele dei Cinque Stelle. Dati alla mano il movimento di Beppe Grillo ha ragione a sentirsi emarginato dai tiggì nazionali. Complessivamente nel mese di settembre il totale dell’informazione tv ha raggiunto appena il 7-8%, poco più del Ncd, un terzo di Forza Italia, la metà della Lega e un quinto dello spazio concesso al Pd. E pensare che per due ospitate a Ballarò di Di Maio e Di Battista è stata convocata un’audizione in Vigilanza. In Rai il totale dello spazio concesso dai quattro tiggì raggiunge il 9% dello spazio a disposizione, contro il 40% del Pd, il 16% di Forza Italia, il 13% della Lega e l’8% del Ncd. A Mediaset va ancora peggio per Di Maio e colleghi. Siamo tra il 6 e il 7% dello spazio destinato ai partiti. Il Pd è al 40% e Forza Italia al 31%. Gli azzurri nel tempo di parola (quindi in voce) raggiungono una percentuale bulgara: 45%! Ai Cinque Stelle va leggermente meglio nel telegiornale di Enrico Mentana a La7. Clamoroso al Cibali: si raggiunge perfino l’11% nel tempo di parola (ma si scende al 9% nel tempo di antenna). Più o meno lo spazio concesso a Forza Italia, ma solo un quinto di quanto viene dato al Pd. Il secondo partito per Mentana è di gran lunga la Lega di Salvini (oltre il 20%). Percentuali minime anche a SkyTg24 (tra il 5 e l’8%) con Pd quasi al 50% e Lega e Forza Italia al 15%. A ottobre però i dati del tiggì saranno più espansivi con i Cinque Stelle, soprattutto grazie allo spazio concesso a Di Battista durante la crisi del Campidoglio e le dimissioni di Marino. Che ci sia un cambio di linea editoriale?

VESPA ALLA GOGNA – Il Coordinamento dei Comitati di redazione della Poligrafici Editoriale chiede le dimissioni immediate del direttore editoriale Bruno Vespa perché durante Porta a Porta, dedicata alla malattia del Papa, notizia riportata dai quotidiani della Poligrafici, ha tenuto a specificare che è solo il direttore editoriale e non ha nulla a che vedere con le notizie pubblicate. E che cosa ha detto di sbagliato Vespa? Un direttore editoriale mica è il direttore responsabile. Il conduttore ha dato ad Andrea Cangini quel che è di Cangini. Forse sarebbe stato meglio non dire nulla. Ora però i cdr di Qn, Nazione, Resto del Carlino, Giorno e Quotidiano.net. chiedono la sua testa.

TALK TALK – Il talk è in crisi. Ce lo ha ricordato pure il presidente Rai Maggioni. Tuttavia non è il talk inteso come talk che è in crisi. Ma a crollare negli ascolti e nelle idee sono i politici in prima serata. Perché Porta a Porta in seconda serata non va male. E se poi diamo un talk a Costanzo che mette vicino di sedia un idraulico, una ballerina e un sindaco il programma piace. Come piace Che tempo che fa di Fabio Fazio. Le sue interviste – seppure molto piatte e tappetino, tipo quella a Renzi – comunque vengono viste. E lo share va sempre in doppia cifra. Domenica avrà ospite Francis Ford Coppola. In passato ha avuto Matt Dillon, Sydney Pollack, Spike Lee, Mickey Rourke, Oliver Stone, Roman Polanski e tanti altri. Meglio loro che Camusso e Bersani. O no?

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA