Muore 21enne schiacciato dalla croce di Wojtyla

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

A Cevo, nel bresciano e più precisamente in Vallecamonica, è morto un giovane di 21 anni, schiacciato dalla croce realizzata dall’artista Enrico Job. Il monumento, denominato “Cristo Redentore” era stato inaugurato in occasione della visita a Brescia di Papa Giovanni Paolo II, nel settembre del 1998.  La tragedia avviene a tre giorni dalla canonizzazione di Wojtyla.

Il ragazzo, residente a Lovere nel Bergamasco, era in gita con amici dell’oratorio. La scultura sarebbe improvvisamente crollata travolgendolo.

La croce è una trave curva, larga 72 cm e con profondità variabile dai 2 metri della base fino a 0,60 cm della cima. Raggiunge l’altezza di oltre 30 metri.